Il magazine online di Orologi di classe

ESCLUSIVO! JAQUET DROZ Magician – nuovo automa (VIDEO)

Pierre Jaquet-Droz il figlo Henri-Louis e Jean-Frédéric Leschot, furono i primi a costruire automi programmabili. Ecco il nuovo Magician.

di Massimo Scalese 3 MIN LETTURA

 

0

di Massimo Scalese 3 MIN LETTURA

 

0

Premessa. Siamo nel pieno svolgimento della mostra “Automates & Merveilles 2012”, evento organizzato per mostrare al mondo attraverso tre musei i primi esemplari di automi realmente “programmabili” – che la storia ricordi – grazie all’ausilio di complicate camme. Essi furono realizzati a cavallo della fine del 18° Secolo da Pierre Jaquet-Droz, dal figlio Henri-Louis e dal loro collaboratore Jean-Frédéric Leschot. Di questa mostra ne avevo parlato in anteprima assoluta – qui – alla fine dell’anno scorso.

JAQUET DROZ Magician automata

Come è naturale che un giorno sarebbe accaduto – la manifattura Jaquet Droz ha deciso di riprendere a costruire, attraverso quella che un tempo era chiamata “l’arte della meraviglia”, the “Magician” (il Mago) un nuovo automa ispirato a quelli concepiti nel pieno dell’età Dei Lumi.

Magician è caratterizzato da un’attenzione per i particolari sin maggiore di quella profusa nei suoi predecessori, questo perchè alla Jaquet Droz hanno voluto che racchiudesse e quindi rappresentasse tutti i mestieri d’arte della manifattura.

JAQUET DROZ Magician “parte dei meccanismi”

Per costruirlo da zero sono stati necessari sei mesi di lavoro da parte di una nutrita equipe di orologiai, incisori, quadrantisti – esperti nella smaltatura a Grand Feu – oltre che della supervisione di François Junod – oggi forse in assoluto il massimo esperto di automi. Il meccanismo che da’ vita all’automata Magician, è composto da ben 1.437 elementi.

Basta qualche giro di chiave e Magician si anima: la testa gira da destra a sinistra, il suo sguardo sorprendentemente umano si posa sul pubblico, le braccia si muovono e le mani sollevano una campana dopo l’altra. Come un prestigiatore, l’automa fa apparire un uccello sulla superficie del tavolo, ora a destra, ora a sinistra. La fluidità dei gesti e la vivacità dello sguardo dell’automa sono un preludio alla delicatezza del volatile, minuziosamente dipinto e inciso a mano dagli artigiani della manifattura. Le piume vibrano, la coda si muove, il becco prende vita ed emette un dolce canto.

Ho avuto la fortuna di poterlo vedere dal vivo mesi fa in una zona non aperta al pubblico dello stand Jaquet Droz, durante Baselworld 2012. Leggermente diverso da quello definitivo, molto probabilmente si trattava di un prototipo quasi finale e tra l’altro indossava un costume diverso. Ho girato un piccolo video in assenza di luci, ma il risultato è stato sufficientemente chiaro per poter cogliere i gesti sempre più umani di quest ultimo automa mentre era all’opera. Eccolo.

Ti assicuro che vederlo muoversi è stata una grande emozione e, come m’invitava a notare il mio accompagnatore, se lo si osserva con attenzione si riesce a cogliere persino le varie espressioni del viso, come quando – per esempio – dopo aver alzato una delle due campane, “finge” stupore per il fatto che sotto non vi sia alcun uccellino!

Ripeto, quello che hai visto è un video esclusivo , l’automa era vestito in panni che – insieme alla sua azione – sembrava esprimere ancor di più “l’azzardo” che la magia… Il Magician definitivo per la mostra Automates & Merveilles 2012 che rimarrà aperta sino al prossimo 30 settembre – è quello che vedi nella prima foto in alto e qui di seguito. Con l’impiego di materiali preziosi come l’oro, l’ebano, gli intarsi in legno di rosa, quest’ultimo esprime un evidente omaggio agli storici savoir-faire di colui che creò la manifattura.

Fasi dell’azione dell’automa The Magician (final) – Jaquet Droz

La prima volta in cui scrissi degli automi del geniale maestro di La Chaux-de-Fonds chiamai il post: “Storia di Jaquet Droz: l’uomo che realizzava “i capricci” dei Re”. Il Magician – almeno per ora – rimane un pezzo unico.

Per maggiori informazioni visita http://www.jaquet-droz.com/automatesetmerveilles.

contaminuti

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close