Il magazine online di Orologi di classe

Hai La Chance Di Possedere Un Rolex Di Eric Clapton

Tra qualche giorno avrai la possibilità di aggiudicarti all’asta un Rolex Turn-O-Graph appartenuto a “Slowhand”

di Davide Colombo 2 MIN LETTURA

 

17

di Davide Colombo 2 MIN LETTURA

 

17

Rolex Turn-O-Graph Eric Clapton

Eric Clapton possiede una delle collezioni di orologi più ricche al mondo. Negli anni Slowhand ha avuto modo di accumulare un bel tesoretto di Rolex e Patek Philippe, e con le sue disponibilità si è accaparrato dei pezzi da urlo che ora valgono una fortuna.

Dal 24 novembre al 10 dicembre la celebre casa d’aste Christie’s metterà in vendita 200 orologi tra cui al lotto 117 ci sarà un Rolex Turn-O-Graph del 1954 appartenuto al mitico chitarrista blues e rock.

Mai sentito parlare del Turn-O-Graph?

Oggi non è più in produzione. Mai sotto i riflettori è il primo modello professionale che Rolex costruì. Realizzato nel 1953 è una referenza fondamentale del mondo coronato in quanto fu lui ad ispirare il Submariner, l’orologio Rolex più riconoscibile al mondo annunciato lo stesso anno, ma presentato ufficialmente nel 1954.

Già alla prima occhiata la referenza 6202, per quanto non fosse stata pensata per immergersi, mostra gli stessi dettagli che caratterizzano il diver più famoso al mondo: la cassa Oyster con corona a vite, il quadrante nero, il triangolo con puntino sulla ghiera – qui color rosso, fatto che testimonia essere uno dei primissimi Turn-O-Graph – le lancette Mercedes, e la non meno importante lunetta girevole, tutte prove evidenti del DNA del Submariner.

La genesi di questo modello è interessante: Rolex lo progettò come sostituto di un cronografo, anche se con una maggiore resistenza all’acqua.

La ghiera girevole era stata pensata per contare il tempo trascorso, e questa è stata la caratteristica che il marchio spinse al suo lancio proponendolo come orologio ideale per piloti e uomini d’affari.

Nonostante l’aspetto quasi identico con 36 mm era sensibilmente più piccolo del Submariner. Il Turn-O-Graph non è mai stato un campione nelle vendite, e Rolex lo tolse dal catalogo dieci anni dopo la sua uscita. In seguito lo abbiamo visto ancora per poi sparire nuovamente una decina d’anni fa.

Oggi i modelli vintage si trovano a circa 30.000 Euro, ma non il Turn-O-Graph di Eric Clapton.

Anche se all’apparenza con un vetro semi-distrutto e le maglie del bracciale Oyster distanziate e disallineate sembra piuttosto mal messo, la sua stima oscilla tra 18.000 Euro e 35.000 Euro. È comunque uno scherzo. Perché?

Perché da anni sappiamo che qualsiasi oggetto collezionabile, per quanto identico ad altri esemplari, basta che sia appartenuto a una celebrità e il suo prezzo impazzisce. Più che da collezione diventa da speculazione.

Un lusso che si paga esageratamente caro.

Non arriverà certo ai 17 milioni del Daytona Newman di Paul Newman, ma puoi scommeterci che l’esemplare che vedi a breve diventerà il Rolex Turn-O-Graph più caro della storia.

Secondo te a quanto sarà battuto?

SCOPRI DI PIÚ

 

Articoli correlati

Commenti

  1. Ad aver la possibilità di money, un’offerta la farei anche io, non perchè è appartenuto ad Eric Clapton, ma perchè, nonostante la non perfetta conservazione, è un orologio che ha fatto la storia.
    Poi ti dirò… il plexy rovinato, il bracciale ultra usato, ecc… gli dà quel tocco di fascino che mi piace un sacco.
    A quanto sarà battuto? 1 milione e mezzo.

  2. Buonasera Gentile Davide,
    gran bel pezzo non c’è che dire…Gran bel pezzo…Come da lei ben sottolineato più unico che raro,
    Mr. Slowhand è effettivamente un Grand Connaisseur tanto a livello di Ferrari quanto di magnifici segnatempo .
    Buona Serata

  3. Esatto Mr. Davide,
    Eric Clapton possiede diverse Ferrari ( comprese alcune d’epoca ) e soprattutto una one-off ( cioè esemplare unico, per lui appositamente realizzato nel 2012) la SP12 EC dove le lettere EC stanno appunto per le sue iniziali.
    Poi come da Lei ben rimarcato , Mr. Slowhand è altrettanto impareggiabile sul versante a noi caro dei magnifici segnatempo mantenendosi ad alto livello quanto ad unicità .
    La ringrazio per le preziose informazioni fornite, considero lo Yacht-Master uno dei coronati che più di ogni altro si distingua per singolarità, a comprova che l’ex chitarrista dei Cream sia un vero intenditore.
    A’ bientôt
    Salut
    Alex

  4. Ciao Davide, con questo pezzo penso sia difficile fare una previsione.
    Infatti qui entra il tocco di re Mida e il pezzo prende un valore che, altrimenti, non raggiungerebbe mai.
    La storia ci insegna che oggetti posseduti da personaggi famosi (i guantoni di Cassius Clay, il casco di Michael Schumacher o Ayrton Senna, ecc…) possono arrivare a valutazioni elevate.
    Scrivi che Clapton ha una collezione molto vasta di orologi e forse questo potrebbe far diminuire un po’ la quotazione anche se di questo modello solo uno.
    Io dico, visto la partenza di 35.000 €, che sarà venduto 500.000€ circa.

  5. Grazie per il commento Riccardo! L’asta è vicina.. Vediamo cosa ne uscirà fuori 😉

  6. Ne ho uno simile in collezione messo meglio rispetto al modello che andrà in asta. Orologio spettacolare che, per diversi anni, è stato un pò al palo rispetto ai modelli come il Submariner, GMT e il Cosmograph Daytona. Ora, gli appassionati di Rolex vintage lo hanno riscoperto e le sue quotazioni sono in continuo rialzo. Credo che questo modello appartenuto al famoso Eric Clapton potrà essere battuto intorno ai 900/1 milione di euro.

  7. Complimenti Claudio! :-O si.. gran bell’orologio e molto raro nelle prime edizioni vintage.

  8. Se ho navigato bene l’orologio è stato venduto.
    Il prezzo d’asta iniziale era compreso tra i 20K e i 40K $ ed è stato assegnato per 27.500 $.
    Io con 500K ho toppato ma altri amici hanno fatto anche peggio.
    Evidentemente il tocco di re Mida non ha funzionato

    1. Ciao Massimo, anche io ho provato a studiare un po’ gli esiti di questa asta ma non tutti i pezzi: sono davvero tanti. Perciò ti ho seguito ed ho preso in considerazione dei Rolex GMT. La prima cosa che ho notato è stata che il prezzo di vendita, in tutti i casi, è stato più alto (tra il 10 ed il 20 percento) della quotazione massima prevista. Quindi il valore è “elevato”. Altra considerazione importante sono i diritti d’asta che esulano dal prezzo di aggiudicazione ma che incidono in quanto sono da pagare. In ultima analisi c’è da capire chi può partecipare a queste aste. Se sono riservate a “professionisti” loro comprano, devono far verificare e magari revisionare il pezzo e, alla fine, rivenderlo con il loro profitto. Il che riporta gli orologi ai prezzi “abituali” di tutti i giorni. Forse questo punto del blog non è il migliore per parlare di questo perchè si divaga un po’ dall’articolo principale e me ne scuso però ho sfruttato un tuo assist.
      Alla prossima

  9. Grazie per il report Riccardo! Si hai ragione.. È abbastanza una sorpresa ma già che c’ero mi sono quardato in giro e anche dei Rolex GMT-Master andati via a $10.700 è un prezzo molto basso. Piuttosto strana sta cosa.

    1. Ciao Riccardo, figurati! Sono io che ti ringrazio per l’inciso… La mia era un’osservazione a caldo: non ho tenuto conto dei costi aggiuntivi, tuttavia nel complesso li reputo sempre interressanti, tenendo conto che un’asta è sempe un’asta ossia il prezzo finale alla fine dipende sempre dal numero di offerte che sono relative all’interesse per un determinatomodello, cosa che di nuovo è sorprendentemente mancata all’Oyster di Clapton. Che mi risulti tutti possono partecipare alle aste, almeno a quelle come questa, e da anni grazie alla tecnologia che permetto di farlo anche se si è dall’altra parte del globo. Sono però sicuro che se andiamo a fare un esame retrospettivo, anche indietro negli anni, non tutti ma più di un orologio è stato venduto in asta a un prezzo più basso di quanto quota almeno in partenza il mercato grigio. Comunque lo si guardi il vintage continua a salire d’interesse e di prezzo, e questo comincia a far peoccupare non poco anche i grandi marchi e le loro collezioni contemporanee.

  10. Grazie Riccardo e Massimo per le vostre considerzioni, quello che ha veramente sbagliato le previsioni sono io. Ma oramai le aste di orologi Rolex e Patek Philippe sono completamente fuori controllo e per quanto mi riguarda ho notato che la casa d’aste fa molto la differenza. Strano comunque che il Turn-O-Graph, e tra l’altro 6702, di una simile celebrità sia andato via per così poco. Nel futuro non mi stupirebbe vederlo passare di mano per tutt’altre cifre…

  11. Buongiorno
    L’orologio in questione è andato via a 27.500 $ ??
    Io ho toppato alla grande….. 😉

  12. Ciao Lorenz, e figurati io! :-O Credo che nessuno si aspettasse una cifra del genere, ma non mi sorprenderebbe in un suo “ritorno alla grande” magari tra qualche anno. Sappiamo come vanno le aste… Grazie per il commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest