Il magazine online di Orologi di classe

Un orologio racconta la sua storia: “Un giorno una mattina”

Anche le macchine hanno un anima? Un orologio meccanico si. Lavora giorno e notte senza fermarsi in cambio di un rapido sguardo.

di Massimo Scalese 2 MIN LETTURA

 

0

di Massimo Scalese 2 MIN LETTURA

 

0


foto da flickr – copyright minghtein

…E così tutte le mattine una di fila all’altra fino a nuovo ordine, se sono stato abbandonato sul comodino, sono pronto a salutare un nuovo giorno anche se non ho chiuso mai un occhio…

Io distinguo un attimo dall’altro: è il mio lavoro. Non so esattamente dove andrò oggi, so quello che farò e non è poco. Per tutta la giornata “sarò legato” al mio padrone, ma non per cattiveria: “mi hanno disegnato così e per fare questo”.

In verità io non mi fermo mai, piuttosto dico agli altri quando farlo. Loro però non sono mai d’accordo: o è troppo presto o è troppo tardi. Continuo a lavorare. Non mi controllano quasi mai, ma non per fiducia, perchè da me ci si aspetta che sia preciso e basta. Si sa che a volte vado un po’ a rilento, a volte invece troppo in fretta e qualcuno di tanto in tanto senza sentire le mie ragioni mi rimette in riga.

Per fare questo, “dentro alla mia bottega” e lontano da occhi indiscreti, anche se non si nota ognuno si da un gran da fare: C’è chi si occupa con la sua carica di dare forza a tutto il gruppo e c’è chi decide il ritmo del lavoro. Nessuno però sta a guardare e non importa se qualcuno – tra i miei colaboratori – fa le cose più in fretta di un’altro: per questo non farà più carriera, l’importante è che ognuno faccia ciò che sa fare. Qui sotto è forse l’unico esempio che funziona di “tutti per uno e uno per tutti”. Nessuno protesta.

Alla fine chi ha voglia di vedere il risultato del mio lavoro ripetitivo, complicato e monotono lo può fare con un rapido sguardo e, se si avvicina a me nella quiete, sentire persino il suono lieve e immutato che in solitudine emetto.

Io e il mio clan facciamo questo meccanicamente da quasi 700 anni.

[un orologio racconta di se]

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close