Il magazine online di Orologi di classe

Cartier Santos 100: Un’Icona da Polso Consigliata

Nel 2004 Cartier crea un'apposita collezione per celebrare il centesimo anniversario del Santos

di Massimo Scalese 4 MIN LETTURA

 

2

di Massimo Scalese 4 MIN LETTURA

 

2

Cartier Santos 100 XL

Questo articolo è dedicato al Cartier Santos 100.

Da qualche tempo non più a catalogo, è stato creato dalla Maison nel 2004 per celebrare il centesimo anniversario da quando Louis Cartier realizzò uno tra i primi orologi da polso della storia, sicuramente il primo da uomo.

Come per l’invezione dell’orologio, quella della variante da polso non si può ricondurre a un unico nome. Però di sicuro Cartier può vantare parecchie testimonianze uniche tra cui l’essere stata nel 1911 il primo marchio a mettere regolarmente in commercio un segnatempo da polso.

Alberto Santos-Dumont
Alberto Santos-Dumont

È quindi evidente che il Santos 100 – orologio commemorativo – è una doppia pietra miliare della Maison. Lui è rimasto pressoché invariato sino al 2016 anno che ha cominciato a segnare la fine del suo mandato.

Due anni dopo nel 2018 Cartier ha rilanciato una completamente nuova serie di Santos con 13 referenze e casse di vari metalli. Questa seconda versione dell’orologio ha modificato il design senza intaccare il suo messaggio che, vecchio di oltre cent’anni, non manca mai di sottolineare la sua infinita classe.

Il primo Santos

Tutto iniziò nel 1904 quando il temerario inventore e aviatore nato in Brasile Santos-Dumont si rivolse a Louis Cartier confessandogli che mentre volava sul suo Demoiselle non sarebbe mai riuscito a leggere il suo orologio da taschino.

Cartier Santos primi 900Così Cartier progettò e realizzò per lui un sottile segnatempo da legare al polso con una cinghia di cuoio chiusa da un minuscolo fermaglio. Nel novembre del 1906 Santos-Dumont fu immortalato in un filmato di 21,6 secondi mentre alla guida del suo velivolo volava a un’altezza di circa 220 metri e naturalmente con quel Cartier legato al polso.

Da allora tutti i modelli della collezione, non ultimo il Santos del centenario, sono rimasti incollati a quel prototipo con la caratteristica forma quadra della lunetta incava, i numeri romani slanciati e la pietra a taglio cabochon incastonata sulla corona. Ma come vedremo più in basso quand’è stato il momento hanno saputo adeguarsi con successo.

La storia del Santos 100

Nel 2004 Cartier affida al Santos 100 il difficile compito di perpetuare in chiave moderna l’orologio di Santos-Dumont.

Cartier Santos 100 quadrante

Cresciuto parecchio nelle dimensioni, la sua cassa, ovviamente di forma pseudo quadra, misurava all’inizio 41 mm di diametro per 51 mm di lunghezza. Con 10.3 mm di spessore i Santos di cent’anni dopo richiamano la incredibilmente sottile silhouette (per quei tempi) del loro progenitore.

Era disponibile anche in una versione più contenuta di 35,6 mm di larghezza. Per muoverli, dopo che Cartier nei modelli degli anni precedenti aveva anche lei dovuto piegarsi al quarzo, scelse degli affidabilissimi calibri ETA 2892 a carica automatica.

Cartier Santos 100 medio acciaio oro

Pian piano il Santos 100 ,da segnatempo nato per omaggiare il centenario, è diventato una collezione a se sviluppando diverse referenze tra cui alcune con casse in materiali avanzati di leggero titanio o in semplice acciaio ma con trattamento PVD nero.

Altre variazioni estetiche hanno compreso le classiche lunette quadrate avvitate ma in oro 18k e con casse in titanio all black.

Cartier Santos 100 cronografo

Come già detto misure e design rimangono pressoché immutate ma nell’ultimo periodo si fa vedere anche un modello scheletrato con a bordo il nuovo movimento a carica manuale 9611, il primo calibro di manifattura creato in-house da Cartier.

I Santos del 2018

La linea Santos 100 oggi non è più a catalogo e dopo qualche riflessione nel 2018 a sorpresa Cartier ha lanciato al SIHH una una serie di Santos completamente inediti che coraggiosamente a loro volta hanno mosso i loro primi passi timorosi di non essere all’altezza di un profilo così leggendario. E invece sono risultati un successo.

Cartier Santos 2018
foto © reddit.com

Da fuori l’orologio appare ora più rettangolare, più sottile, e con parecchi piccoli interventi estetici. Il look è così gradevole che con risultati del genere anche il marchio più restio a modificare una sola vite (Rolex) si lascerebbe convincere ad andare contro la sua natura.

Oggi la collezione presenta grossi passi avanti anche sotto, nella meccanica. Ora la serie Santos è mossa dal movimento Cartier 1847, movimento di manifattura.

Concludendo

Sul sito Cartier Italia oggi il Santos 100 modello grande si trova ancora in tre referenze: XL, medio e Carbon. Probabilmente qui da noi ne sono rimasti ancora alcuni pezzi da smaltire. La versione big in acciaio costa 6.850 Euro, ma essendo un segnatempo in circolazione da quindici anni se ne trovano tanti anche di secondo polso.

Santos 100 Carbon

Impermeabile sino a 100 metri con un cinturino in neoprene di un colore vivo lo vedo a suo agio anche al mare. Se riesci a farlo tuo, un Santos 100 è un best-buy.

Cosa ne pensi? Lascia la tua opinione in un commento.

 

Articoli correlati

Commenti

  1. Cartier a mio parere è in assoluto uno dei brand più aprezzati in tutto il mondo…dopo Rolex Patek e pochi altri. Non a caso è l’orologio prescelto dai reali d’Inghilterra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close