Il magazine online di Orologi di classe

Abbiamo Provato Il Servizio Certificato di Autenticità Omega

Recensione sui servizi vintage rilasciati da Omega

di Massimo Scalese 5 MIN LETTURA

 

2

di Massimo Scalese 5 MIN LETTURA

 

2

Certificato di Autenticità Omega

Negli ultimi anni il valore degli orologi vintage è salito alle stelle. A inizi del 2020 il mercato degli orologi d’epoca indicava un giro di affari di ben 50 miliardi di dollari ma, fatto curioso, solo il 10% prende la via dell’online. Tuttavia questi numeri sono sempre in crescita (Fonte)

Molti si sono trovati in casa quelli che una quindicina d’anni fa erano semplici orologi usati, ma che ora valgono qualche migliaio di euro.

Ma chi compra oggi un orologio vintage, visto appunto i costi, ha l’assoluta necessità di essere sicuro che sia originale, o quando non lo è almeno di saperlo. Chi può accorgersene? Con tutto il rispetto spesso neanche un esperto perito, poiché non è in possesso di tutti i più minuscoli dettagli di fabbricazione di ciascun modello di ogni marchio.

Ma allora come si può verificare l’autenticità di un orologio d’epoca con sufficiente attendibilità? Le case d’aste come Christie’s, Phillips e Sotheby’s hanno profonde conoscenze del vintage e i loro esperti si appoggiano alle case madri.

libretto Certificato Autenticità Omega

Ma come fa un comune appassionato che vuole vendere il suo orologio d’epoca a garantire che sia originale al 100%, o un acquirente essere sicuro di investire i suoi soldi per un segnatempo che in decine e decine d’anni è passato attraverso diverse mani?

Si dovrebbe affidare alla casa, ma molte sugli orologi di oltre vent’anni fa non prevedono alcun servizio.

Durante un’attività che dura da diversi anni, Omega ha accumulato nei suoi archivi un’enorme quantità di informazioni, cosicché per molti suoi orologi vintage è in grado non solo di fornire un estratto dagli archivi, ma anche, previa un’attenta analisi di ogni singolo orologio, emettere un certificato di autenticità.

Estratti degli Archivi

Dietro una spesa che va da 100 agli oltre 500 Euro molte grandi Maison come Audemars Piguet, Breguet, Glashütte Original, Jaeger-LeCoultre, Patek Philippe, Vacheron Constantin e altre, rilasciano un estratto dai loro archivi.

Omega Speedmaster Moonwatch Professional 105.012

Il servizio è per chi, non avendo in mano niente vuole possedere o offrire un minimo di documentazione, nonché risalire alle origini del suo preciso esemplare, con dove e quando è stato venduto la prima volta.

L’estratto Omega si può richiedere online a questo link, costa 120 CHF (IVA esclusa) e per ottenere una copia digitale ci possono volere sino a 15 giorni lavorativi. É sottinteso ma è giusto ricordare che un estratto degli archivi è una semplice lettura da un registro e che non c’entra nulla con l’effettiva originalità del pezzo.

Certificato di Autenticità

Questo, se devi vendere o acquistare un Omega d’epoca, è per me il servizio più interessante. Il marchio rilascia una certificazione di autenticità SOLO se dopo un accurato esame da parte di suo personale specializzato, orologio e movimento sono originali.

Certificato Autenticità Omega scheda orologio

Non solo i tecnici hanno accesso a un’ampia documentazione, ma possono confrontarsi anche con gli esemplari in loro possesso e se non basta c’è anche un confronto visivo con i molti pezzi custoditi dal Museo Omega.

Il certificato di autenticità viene eseguito solo a segnatempo Omega costruiti da più di 30 anni.

Il servizio si può richiedere solo portando il proprio orologio presso la boutique Omega più vicina, richiede minimo 2 mesi di tempo, e la consegna dipende da quanti devono essere esaminati prima di lui. Dato che da tutto il mondo vengono inviati alla sede di Biel/Bienne in Svizzera i tempi possono variare.

Il prezzo della perizia è di 800 CHF (IVA esclusa). Per sapere la cifra esatta in Euro basta chiedere in boutique.

Ah, non c’è alcuna formula coercitiva. Come riportano le domande e risposte frequenti sul sito ufficiale, per affrontare un certificato di autenticità non sei costretto a sottoporre il tuo orologio ad alcun servizio di manutenzione erogato dalla Casa.

La Mia Esperienza

Per provare il certificato di autenticità, ho inviato il mio Omega Speedmaster Moonwatch Professional 105.012, simile alla referenza Pre Moon indossata da Buzz Aldrin il 20 luglio 1969 durante la missione Apollo 11 che segnò la prima camminata dell’uomo sulla Luna. Com’è noto lo Speedmaster del comandante Neil Armstrong era rimasto sulla navicella a fare da backup a seguito di una rottura del cronometro di bordo.

Certificato autenticità Omega Speedmaster Moonwatch Professional 105.012

L’orologio lo acquistai nel 2007 su eBay da un venditore francese. Monta il Calibro 321 un movimento sviluppato negli anni ‘50 in collaborazione con Frédéric Piguet. Lo smistamento delle funzioni cronografiche è governato da una ruota a colonne; gli innesti sono morbidi e precisi e il 321 spicca proprio per l’utilizzo di tale meccanismo sviluppato in un unico blocco.

Quando lo presi sembrava coevo in tutti i particolari, escluso il fatto che era accompagnato da un bracciale 1171, probabilmente un aftermarket ma comunque dei primi anni ’70. Tuttavia come spesso accade quando compri un orologio vintage non avevo alcun documento che potesse provare la sua originalità.

Come puoi vedere dalle foto è piuttosto vissuto ma volutamente non è mai stato ritoccato. Sostituii subito il vetro in plexiglas e successivamente riuscii a recuperare dall’Australia uno dei bracciali coevi, il 1039 con le maglie elastiche.

Spedizione e Ricezione

Ho xonsegnato lo Speedmaster alla Boutique Omega di Milano lo scorso maggio e l’ho ritirato a fine agosto, quindi ci sono voluti poco meno di 4 mesi per vederlo tornare indietro. Già che c’ero ho richiesto anche un estratto dagli archivi.

Omega certificato orologio e scatola

Dagli archivi Omega risulta che nonostante sia un modello 1966 ha lasciato la manifattura a novembre del 1967 in direzione Francia dove io l’ho acquistato quarant’anni dopo.

Con grande felicità è risultato 100% originale e coevo.

Tutto ciò non è per nulla scontato. Come riporta il contratto che al momento che consegni il tuo Omega devi sottoscrivere, non vi è alcuna sicurezza che, a prescindere dal costo della perizia, insieme all’orologio ti arrivi anche il certificato di autenticità.

Certificato Omega scatola

Insieme al libretto con tutte le documentazioni firmate dal responsabile del reparto d’epoca, l’altra bella sorpresa è stato vederlo arrivare in un cofanetto rosso Omega. Così ora ha anche una scatola che non sarà quella di 56 anni fa ma almeno è originale.

Opinioni

Stando a quello che offre il mercato Omega è uno tra i pochissimi marchi a rilasciare un documento scritto sull’autenticità di un suo orologio vintage. I più al limite arrivano a un estratto dagli archivi: meglio che niente ma il rischio di imbattersi in un falso rimane sempre.

Se vuoi vendere un Omega d’epoca un documento che attesta la sua autenticità da chi l’ha costruito è un plus sia per te sia per chi lo compra. Il venditore e il potenziale acquirente potrebbero mettersi d’accordo dividendosi il costo di questa prestazione nel caso che l’orologio risultasse originale.

Ovviamente per scegliere se mettere sotto esame il tuo Omega bisogna tener conto del valore dell’orologio.

Che ne pensi? Ti sentiresti più tranquillo a comprare un usato garantito originale da chi l’ha prodotto?

Lascia la tua opinione in un commento.

SCOPRI DI PIÚ

 

Articoli correlati

Commenti

  1. Ciao Massimo, come al solito ti dimostri Maestro in primis a provare e poi nel condividere. Le parole che scrivi potrebbero essere scolpite nella pietra. Credo che chiunque apprezzi un pezzo vintage vorrebbe la certezza del proprio acquisto, naturalmente vale anche per chi vuol/vorrebbe vendere e realizzare il giusto. Questo servizio dovrebbe essere offerto da tutte le Case che producono orologi, anzi sarebbe il caso di togliere il limito dei 30 anni di vita del pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest