Il magazine online di Orologi di classe

Emanuel Bouchet Complication One: Recensione

Recensione con spiegazione, foto live, e prezzo, di Emanuel Bouchet Complication One complicato e unico segnatempo di Alta Orologeria.

di Giulio Minetto 2 MIN LETTURA

 

0

di Giulio Minetto 2 MIN LETTURA

 

0

Quest’anno, a Basilea, Emmanuel Bouchet irrompe nella scena dell’alta orologeria indipendente con un brand di proprietà.
A dire la verità, sono parecchi anni che Bouchet lavora nel mondo dell’orologeria, celandosi spesso dietro a movimenti strabilianti utilizzati da molti marchi che probabilmente ben conosciamo.

Molto cordiale il personale dello stand di Bouchet, che in meno di 5 minuti dal mio arrivo mi aveva già spiegato e fatto provare alcuni orologi della loro nuova (e prima) collezione.

Ultimo pezzo mostratomi: il Complication One

recensione orologio Emanuel Bouchet Complication One

La cosa che colpisce subito è lo spessore (11.2mm), gran parte del quale è formato da un meraviglioso box di zaffiro che racchiude il movimento.
Questo permette a chi lo indossa di godersi visivamente lo scorrere del tempo, poiché questo orologio è stato studiato anche per questo.

cassa Emanuel Bouchet Complication One

La frequenza di 18.000 alternanze orarie (bassa rispetto alle normali – solitamente comprese tra 21.600 e 36.000) permette di risaltare e “rallentare” l’ipnotizzante muoversi dello scappamento.
Due bariletti, visibili sul retro dell’orologio, insieme all’indicatore della riserva di carica, garantiscono un totale di 72 ore di riserva di carica.
Un bariletto aziona gli ingranaggi fino alla ruota di uno scappamento classico, l’altro serve a mantenerlo sempre in tensione.
Questo meccanismo ausiliario, cui scopo è quello di far si che venga rilasciata forza costante, scatta una volta ogni 15 secondi, a differenza dei normali scappamenti dove ciò normalmente avviene 5 volte al secondo.

movimento Emanuel Bouchet Complication One

Particolarità dell’orologio è quella di avere due sotto-quadranti: uno per l’ora, ad ore 8, e uno per i minuti e le decine di minuti, ad ore 4, con lancette saltanti e retrograde (solo per le decine di minuti).

Nella parte alta del quadrante, invece, viene dato spazio solo al grande sotto-quadrante dei secondi, che a sua volta contiene un indicatore del giorno e della notte.
Le lancette di tutti i quadranti sono rifinite con zaffiro sabbiato per aumentare la leggibilità e dare un tocco elegante e raffinato all’orologio.

Infine, su richiesta del cliente, c’è la possibilità di personalizzare il movimento o il quadrante, anche con diamanti.

Prodotto in oro 18kt, titanio e platino, il Complication One non è certo per le tasche di tutti: si parte infatti da 110.000 CHF per la versione base in titanio.

www.emmanuelbouchet.com

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest