Il magazine online di Orologi di classe

Jan Speckenbach vince il premio “Made in Germany – Perspektive Fellowship” per giovani registi tedeschi

Il giovane regista tedesco Jan Speckenbach si aggiudica la seconda edizione del premio Made in Germany Perspektive Fellowship supportato da Glashütte Original.

di Redazione 2 MIN LETTURA

 

0

di Redazione 2 MIN LETTURA

 

0

Glashütte Original, co-partner del 63° Festival del Cinema Berlinale, ha supportato per la seconda volta insieme a Perspektive Deutsches Kino, l’evento “Made in Germany – Perspektive Fellowship” dedicato a incoraggiare la creatività dei giovani registi tedeschi.

Il premio quest’anno se l’è aggiudicato Jan Speckenbach, il quale ha ricevuto il prestigioso riconoscimento per la sua opera intitolata “Das klopfen der Steine” (Il suono della pietre), un intrigante musical ambientato tra le rovine di una Berlino subito dopo la fine della Seconda Grande Guerra.

Lo scorso anno i 15.000 Euro offerti dalla manifattura di Alta Orologeria Glashütte Original in favore del Made in Germany avevano supportato Disko di Annekatrin Hendel.

Il verdetto di quest’anno è stato emesso da una giuria composta dallo sceneggiatore e regista Hans-Christian Schmid, dall’attrice e regista Nicolette Krebitz e dal produttore e distributore di film documentari Heino Deckert, tutti impegnati a sostenere i giovani registi tedeschi e la sezione Perspektive Deutsches Kino del Festival Berlinale.

Insieme ai 15.000 Euro il vincitore del premio Jan Speckenbach ha ricevuto il trofeo, manufatto negli atelier Glashütte Original.

Sinopsi di “Das klopfen der Steine” (Il suono della pietre)

Il musical racconta la storia di Ilse, una giovane madre tedesca che come migliaia di altre donne,
affrontò i disastri che la Seconda Guerra Mondiale aveva lasciato alle spalle. Queste donne vennero chiamate “Trümmerfrauen” (“Signore macerie”): il film descrive la loro sopravvivenza, la loro vitalità, la loro emancipazione. “Das klopfen der Steine” è un ritratto musicale della Berlino del dopoguerra Berlino e di una Germania tra il Terzo Reich, la democrazia e il comunismo.
E il ritratto di una generazione di donne che furono involontariamente artefici di cambiamenti sociali che ancora oggi trovano riscontro.

L’appena concluso Festival Berlinale 2013 e Glashütte Original danno appuntamento tra un anno agli amanti dell’arte del cinema e del “Made in Germany”.

Altre notizie sugli orologi Glashütte Original: www.glashuette-original.com

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest