Il magazine online di Orologi di classe

Le Intriganti Novità Cartier 2023 a Watches & Wonders (Live)

Tutti i nuovi orologi Cartier dal Privé al Clash [Un]limited passando per il Tank e il Santos-Dumond.

di Massimo Scalese 6 MIN LETTURA

 

2

di Massimo Scalese 6 MIN LETTURA

 

2

Cartier, titano dell’industria orologiera, vanta un’eredità senza pari e collezioni vaste e poliedriche. Quest’anno, in occasione di Watches & Wonders 2023 il marchio ha giocato tutte le sue carte. Gli appassionati e i visitatori, se Sabato o Domenica sarai tra coloro che andranno a Ginevra, scopriranno novità seducenti nelle collezioni principali, come l’intramontabile Tank, oltre a creazioni di spicco dell’esclusivo Cartier Privé e del regno dell’alta gioielleria.

Sul palcoscenico ginevrino Cartier presenta l’attesissimo Cartier Privé, icone rivisitate come il Tank e il Santos-Dumont e una serie di squisiti segnatempo unici pensati per le donne. Preparati a rimanere senza fiato mentre ci addentriamo a scoprire le novità Cartier 2023.

Cartier Privé

Cartier Privé 2023
foto @ Vincenzo Finizola

Anno dopo anno, non sono pochi coloro che attendono con impazienza la rivelazione dell’ultimo orologio Cartier Privé, una collezione per gli esperti più esigenti che sono innamorati dei modelli iconici della Maison attraverso orologi in serie limitata e numerata. Quest’anno, la settimana dell’Alta Orologeria svela una straordinaria aggiunta al repertorio: il Tank Normale in una varietà di configurazioni ipnotiche.

Con dimensioni contemporanee di 32,2 mm x 27,8 mm, il nuovo segnatempo sfoggia un classico quadrante a numeri romani all’interno di un’elegante cassa rettangolare con finitura spazzolata. Con soli 200 esemplari disponibili per ogni variante di colore, l’edizione in oro giallo presenta un cinturino in alligatore marrone e un’affascinante corona di carica con incastonato uno zaffiro blu cabochon, mentre la sua controparte in platino vanta un cinturino in alligatore nero e una corona con rubino cabochon. Per gli incontentabili sarà disponibile un bracciale coordinato in oro giallo o platino, limitato a 100 esemplari per ogni scelta.

A completamento della collezione Privé, Cartier ha presentato anche 50 affascinanti varianti uniche scheletrate del Tank Normale. Questi segnatempo, che condividono i colori e i materiali dei loro fratelli non scheletrati, si affidano al rifinito movimento skeleton della Maison, arricchito da una complicazione di 24 ore. Inoltre, è stata annunciato un’esclusivissimo Normale scheletrato in platino incastonato di diamanti, in edizione limitata a 20 esemplari.

Cartier Santos-Dumont e Santos De Cartier

Cartier Santos-Dumont e Santos De Cartier
foto @ Vincenzo Finizola

In armonia con l’emblematica silhouette del Santos Dumont, lil nuovo modello si presenta con una cassa di 43,5 mm x 31,4 mm e con un formato XL di 46,6 mm x 33,9 mm in edizione limitata. La gamma di colori del Santos Dumont comprende declinazioni in platino, oro rosa e oro giallo, accompagnate da numeri romani realizzati in diaspro, giada o dumortierite. Questi gioielli orologieri introducono anche l’innovativo movimento automatico scheletrato 9629 MC di Cartier, dotato di una riserva di carica di 43 ore.

I nuovissimi Santos de Cartier, che si adattano a polsi di medie e grandi dimensioni, offrono uno splendido quadrante verde e un’indossabilità confortevole. Le 8 viti a vista, segno distintivo del Santos, punteggiano la lunetta, condividendo la scena con altre caratteristiche fondamentali come la minuteria interna a chemin de fer, i numeri romani e le classiche lancette delle ore e dei minuti a spada. Il design dell’orologio termina in un bracciale complementare ornato da viti a vista, che riprende l’estetica della lunetta.

Cartier Tank

Cartier Tank 2023
foto @ Vincenzo Finizola

La Maison ha presentato un’ampia gamma di modelli Tank, dal sottile e sinuoso Tank Américaine al raffinato Tank Louis. Il Tank Américaine è disponibile in tre misure: un modello piccolo da 28 mm, uno medio da 35,4 mm e uno XL da 44,4 mm. In acciaio inossidabile o in oro rosa, con varianti opzionali tempestate di diamanti, esiste anche una versione mini in oro bianco, completa di cassa e bracciale tempestati di diamanti.

Nel frattempo, il Tank Louis presenta un’ampia gamma di look, che vanno dal più sobrio minimalismo all’abbagliante, tutti con un tocco retrò. Le referenze più sobrie presentano lussuosi quadranti laccati monocromatici in verde intenso o rosso Bordeaux. Sui quadranti di queste versioni quasi tutto è stato rimosso, ad eccezione del logo Cartier, di una scritta Swiss-made e delle lancette di ore e minuti. Ogni segnatempo è accompagnato da un cinturino in pelle correlato alla cromia del quadrante. Le altre due referenze emanano un’atmosfera decisamente anni ’70, con motivi a griglia che evocano le sfere a specchio da discoteca e le piste da ballo illuminate. Animati dal movimento 1917 MC a carica manuale, queste novità sono racchiuse in casse di 33,7 mm di diametro.

Cartier Baignoire

Cartier Baignoire 2023
foto @ Vincenzo Finizola

Dalla sua nascita nel 1912, il Baignoire ha subito numerose trasformazioni. Nel 2023, Cartier ne ha ripensato dimensioni, funzionalità e proporzioni, fondendo l’iconico profilo ovale con un design della lunetta che si adatta perfettamente al polso. In sostanza, il Baignoire rinnovato trascende i confini, incarnando contemporaneamente un orologio, un oggetto da collezione e un gioiello. Ciascuna declinazione presenta un quadrante compatto con numeri romani ed è disponibile nelle opulente varianti in oro rosa, oro giallo o tempestato di diamanti.

Cartier Scheletrati

Cartier Scheletrati 2023
foto @ Vincenzo Finizola

La collezione si amplia con la serie Santos-Dumont Skeleton che presenta tre varianti di colore in una tiratura limitata a 150 esemplari. La variante in oro giallo si fonde perfettamente con la lacca blu e il cinturino in alligatore abbinato, l’oro rosa va a braccetto con un cinturino bordeaux e l’acciaio inossidabile è accompagnato da un cinturino grigio.

Nella stessa ottica, il modello Pasha incanta con una cassa in oro rosa di 41 mm. Nonostante il design intricato e scheletrato, il segnatempo mantiene un’impermeabilità di 30 metri, che lo rende indossabile con sicurezza. Cartier ha anche svelato quella che sarà probabilmente la sua proposta scheletrata più complicata dell’anno: un sorprendente orologio da tasca. Lungi dall’essere un tradizionale segnatempo da taschino, questo esemplare di altissima gamma vanta un diametro di soli 35 mm e integra contemporaneamente le funzioni di ripetizione minuti, tourbillon e calendario perpetuo.

La Panthére de Cartier

La Panthére de Cartier 2023
foto @ Vincenzo Finizola

Con il modello La Panthére l’emblematica pantera della Maison è al centro della scena. Sfacciato, sorprendente e scultoreo, il segnatempo ritrae la pantera che stringe le fauci attorno a un quadrante laccato nero. Adornata in oro giallo, oro rosa o oro bianco con una coltre di pavé di diamanti, lo sguardo penetrante della pantera si anima per la presenza di tsavoriti, mentre la testa si fonde armonicamente con un bracciale integrato. Privi di cerniere visibili, questi orologi da polso femminili Panthère sono meticolosamente realizzati per avvolgere completamente il polso.

Cartier Clash [Un]limited

Cartier Clash [Un]limited
foto @ Vincenzo Finizola
Mentre la carellata Watches & Wonders di Cartier è giunta oramai al termine, la Maison caratterizza l’orologio gioiello Clash [Un]limited fondendo finezza e forza. Spettacolare al polso, il nuovo orologio donna Clash [Un]limited è caratterizzato da un’alternanza di oro satinato e spazzolato, intrecciati con oro rosa o giallo e perle iridescenti. Tra le proposte, una di queste presenta un corpo tempestato di diamanti con ornamenti monocromatici, mentre un’altra edizione sfoggia un singolare miscuglio di gemme che comprende crisoprasio, spinelli neri, tsavoriti e corallo.

Terminano qui le novità Cartier 2023 presentate a Watches and Wonders.

Qual è la tua preferita? Dillo in un commento.

SCOPRI DI PIÚ

Foto credits @ Vincenzo Finizola www.vincenzofinizola.com

 

Articoli correlati

Commenti

  1. Cartier mi è sempre piaciuta nel design, ma ultimamente, a parte gli scheletrati, nella collezione privé non propone oggetti esclusivi come per la vecchia CPCP i cui modelli li vedevi subito essere di fattura superiore. Con la scritta Paris o la guillochè a foglia verso il centro erano anche più riconoscibili.
    I più recenti privé invece, compreso l’Asymètrique che è sempre stato tra i miei preferiti, sembrano più normali. Non solo i quadranti sono più ordinari, ma anche i movimenti sono più banali, anche se fatti in casa. Una volta venivano rifiniti meglio, anche se non proprietari, e mostrati con fondello trasparente. Ora forse è preferiscono nasconderli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest