Il magazine online di Orologi di classe

Made in Glashütte: Ora Molto Oltre Il “Made in Germany”

Con la nuova normativa la denominazione di origine “Made in Glashütte” assume un'importanza ancora maggiore in tutto il mondo

di Redazione 3 MIN LETTURA

 

0

di Redazione 3 MIN LETTURA

 

0

Glashütte - città vista dall'alto
Glashütte: vista dall’alto – Questa cittadina con 175 anni di tradizione orologera è immersa tra le dolci colline a sud di Dresda. Nella città vera e propria vivono non più di 1.700 abitanti.

Tra i Monti Metalliferi tedeschi sorge una piccola città: fino ai primi dell’Ottocento era la dimora dei minatori che estraevano l’argentite, ma dopo il 1845 divenne celebre in tutto il mondo per i suoi orologi. Il suo nome è Glashütte.

Qui si realizzano solo orologi della più alta qualità ma adesso con il “Made in Glashütte” una legge protegge la loro origine geografica. De jure, questi orologi sono ora finalmente protetti tanto quanto i famosi marchi svizzeri. O, se preferisci, come lo champagne o il prosciutto di Parma.

I legislatori hanno appena approvato l’Ordinanza Glashütte, che assegna uno status speciale particolarmente significativo agli orologi realizzati nella cittadina Sassone.

I segnatempo provenienti da Glashütte, molto apprezzati dagli esperti di tutto il pianeta, ora godono della stessa protezione legale degli orologi “Swiss Made”.

Orologio NOMOS Glashütte Tangente
NOMOS Glashütte Tangente, uno tra i più famosi orologi da polso tedescchi, è anche il segnatempo più prodotto a Glashütte. Nel 2022 festeggia il suo trentesimo anniversario.

Tuttavia, mentre la dicitura “Swiss Made” copre l’intera Svizzera, la denominazione “Glashütte” si riferisce a un’area geografica molto più ristretta. Tra l’altro bisogna sottolineare che dal 1938, in Germania è soltanto la seconda volta che una denominazione di origine protetta viene concessa a un prodotto tecnico. Si tratta quindi di un importante traguardo.

In questo luogo l’orologeria ha una lunga tradizione: sono ormai 175 anni che a Glashütte si realizzano orologi di eccellente qualità.

Oggi ad esempio la manifattura NOMOS Glashütte produce qui la maggior parte degli orologi che portano questa ambita denominazione di origine. Allo stesso tempo, è anche una delle pochissime manifatture orologiaie indipendenti al mondo. Al pari del luogo in cui vengono prodotti, modelli classici come Tangente, Ludwig, Orion, Club o Metro, sono ormai da tempo diventati tutti famosi.

Sia per NOMOS Glashütte che per le altre otto manifatture locali, la tutela garantita dalla denominazione di origine Made in  Glashütte migliora notevolmente la situazione da un punto di vista legale, proteggendo i marchi da imitazioni e falsari.

Questo perché chiunque intenda produrre e vendere orologi che portano il nome di “Glashütte” deve rispettare severi criteri ed eseguire tutte le lavorazioni rilevanti in loco, a Glashütte appunto. La denominazione di origine rende perciò onore alla città e alla sua tradizione artigiana che è in costante evoluzione.

Ma beneficiarne sono soprattutto i consumatori, i quali da ora potranno avere la certezza che gli orologi che riportano la dicitura “Glashütte” sono stati effettivamente realizzati nell’omonima cittadina rispettando elevati standard qualitativi.

“Questo nuovo regolamento contribuisce anche ad accrescere la reputazione della nostra città”, ha affermato Uwe Ahrendt, amministratore delegato di NOMOS Glashütte.

Uwe Ahrendt, CEO di NOMOS Glashütte
Made in Glashütte: “La denominazione di origine protetta accresce il prestigio di questo luogo, celebrandone la speciale storia” ha dichiarato Uwe Ahrendt, CEO di NOMOS Glashütte.

“Rende onore a tutto ciò che è stato realizzato qui sin dal 1845. Il marchio NOMOS Glashütte supera abbondantemente i requisiti imposti dal regolamento e produce tutti i suoi undici calibri nei propri laboratori a Glashütte, con un grado di integrazione verticale della produzione che raggiunge il 95% e con una qualità seconda a nessun altro”.

E continua: “La dicitura “Made in Glashütte” vanta quindi un prestigio perfino superiore a quello del “Made in Germany”, come sottolinea il dr. Wolfgang Straub, uno degli avvocati coinvolti nell’iter normativo: “Ancora una volta, i severi criteri di qualità di Glashütte superano il valore della nota dicitura ‘Made in Germany’ da sempre sinonimo di precisione maniacale”.

Fonte: NOMOS Glashütte.

VISITA IL SITO NOMOS

 

Articoli correlati

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close