Il magazine online di Orologi di classe

Se Puoi Comprare Un Solo Orologio Militare, Compra Questo

Di guerre Hamilton Khaki ne ha fatte più di una: essenziale e rimasto negli anni pressoché immutato è l’orologio militare definitivo

di Davide Colombo 3 MIN LETTURA

 

0

di Davide Colombo 3 MIN LETTURA

 

0

unico orologio militare Hamilton Khaki Field Mechanical

Robusto, meccanico ma semplice, concepito per essere maltrattato senza pietà, andando diritti al punto l’Hamilton Khaki Field Mechanical è il segnatempo militare perfetto e che tutti si possono permettere.

Nella vasta collezioni Khaki abbiamo scelto questo modello perché per estetica e caratteristiche è il più vicino agli iconici modelli vintage. Quando questo orologio uscì era disponibile solo con quadrante nero e un cinturino di nylon minimalista. Questa è la versione che preferisco, ma Hamilton di questa serie lo propone anche con una cassa PVD nera e addirittura color terra – come se fosse uscito da un combattimento – e infine con quadrante bianco.

Hamilton Khaki Field Mechanical 2019

Essenza del Khaki

Nel 1942 Hamilton smise di produrre orologi civili per concentrarsi sull’enorme compito di fornire le forze armate statunitensi durante la seconda guerra mondiale. Si dice che la produzione toccò ben un milione di esemplari.Tra gli orologi da polso spiccava il Khaki che è stato il preferito anche di illustri personaggi come l’ammiraglio Byrd e il Generale John Pershing.

Basta guardarlo per capire che in lui tutto è ne più ne meno quello che serve.

La cassa, nei primi modelli non misurava più di 33 mm: era piuttosto piccolo per esporsi meno agli urti. Sempre la cassa prima in metallo poi in acciaio era opaca per prevenire i riflessi e così non individuare la posizione di chi lo indossava.

Il quadrante è uno spettacolo di funzionalità: nero con indici a dardo, una volta rivestiti di pericolosissimo Radio, si alterna a indici dei minuti ben evidenziati. I numeri delle ore sono arabi, con la scala interna di 24 ore per leggere l’ora con immediatezza.

Hamilton Khaki Field Mechanical 2018
Khaki Field Mechanical 2018 (foto courtesy hamilton-watches.com)

Non c’è un solo millimetro del Kakhi che sia superfluo. Tutto quello che vedi è perché funzionava ottant’anni fa come ora, punto e basta.

Movimento manuale

Il vero Khaki ha sempre montato un movimento meccanico manuale. Perché? Perchè è semplice e affidabile. Potresti obiettare che oggi sarebbe meglio un movimento al quarzo, economico, robusto e di gran lunga più preciso, ma nella mentalità di un buon orologio militare, anche se si spera di non doverlo mai usare in guerra, fare a meno della batteria semplifica tutto.

E poi l’Hamilton Khaki Field Mechanical monta un calibro Hamilton H-50 (base ETA 2801-2) a carica manuale con ben 80 ore di riserva di carica.

Opinioni

Perché comprare un orologio militare? Perché oggi non è più solo adatto per i soldati o le forze dell’ordine; lo è anche per sportivi, escursionisti, alpinisti e per chi lavora in un ambiente duro, soggetto a urti o maneggia materiali pericolosi e perciò necessita di un orologio che se la cavi in condizioni difficili.

Oppure si acquista perché si è semplicemente appassionati del suo aspetto spartano, con una leggibilità immediata in tutte le condizioni di luce e di gran lunga superiore a qualsiasi altro segnatempo.

Il Khaki Field Mechanical misura 38 mm, una taglia che va bene a tutti e di listino costa 470 Eur.

Esistono orologi di questo genere più economici e una valanga che costano di più, ma nessuno può offrirti quello che ti da questo vecchietto.

Il Khaki è l’unico orologio militare di cui avresti bisogno.

Hamilton Khaki Field Mechanical

Khaki Field Mechanical

COMPRALO ORA: €433,08


Nota: l’acquisto di prodotti tramite alcuni link può farci guadagnare in qualche caso una piccola parte della vendita, quota che non si aggiunge al prezzo di acquisto, a supporto della nostra missione e redazione. Scopri di più qui.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest