Il magazine online di Orologi di classe

Vi Presento: Zenith Academy Christophe Colomb

La manifattura svela il progetto Academy Christophe Colomb caratterizzato da uno scappamento con giroscopio

di Massimo Scalese 2 MIN LETTURA

 

3

di Massimo Scalese 2 MIN LETTURA

 

3

Se il tuo occhio è già caduto sull’immagine sottostante, probabilmente sarai irrimediabilmente rimasto abbagliato dal nuovo Zenith Academy Christophe Colomb un incredibile nuova edizione limitata dalla collezione di Alta Orologeria della Maison, quindi non vedrai l’ora di continuare a leggere questo post.

Zenith Academy Christophe Colomb
Zenith Academy Christophe Colomb

Nonostante il progetto di questo capolavoro fosse stato annunciato oltre due anni fa dall’ex leader del marchio Thierry Nataf sulla rotta del Defi Xtreme Tourbillon Zero-G, Jean-Frédéric Dufour – attuale CEO della Maison – ha voluto sfruttarlo dandogli però una veste completamente nuova e soprattutto classica più vicina alle vere radici del marchio.

Così in una cassa in oro giallo, rosa oppure in oro bianco 18k completamente ridisegnata, che però con i suoi 45 mm di diametro rimane sempre di dimensioni enormi, ecco davanti a te Academy Christophe Colomb mosso dal movimento meccanico Calibro Academy 8804 e caratterizzato da uno scappamento con giroscopio che spunta dal cristallo frontale molto bombato frontalmente a ore 6 e leggermente anche nel fondello.

Naturalmente “viaggia” a 36.000 alternanze/ora, la cosiddetta “alta frequenza” da oltre quarant’anni bandiera di Zenith. Il quadrante argentato è lavorato a guillochè “Grain d’Orgè” eccetto per la sezione dei piccoli secondi a “Clous de Paris” con indici e numeri romani neri. Le lancette sono in acciaio azzurrato e indicano ore, minuti, secondi e riserva di carica a ore 3.

Il modulo regolatore è formato solo lui da una gabbia di 166 componenti, sei ruote, sei cuscinetti a sfera e dieci ingranaggi conici. Questo meccanismo è governato da un complesso sistema cardanico che gli garantisce in ogni situazione una posizione orizzontale come in quello inventato nel 1852 dal fisico Jean Bernard Léon Foucault (Wikipedia).

Un modo originale con cui soli 75 fortunati al mondo – 25 per ogni metallo prezioso – si divertiranno a sfidare le leggi della fisica! A parte le sue evoluzioni è un cronometro molto preciso e, grazie al giroscopio, alla Zenith dicono che lo è ancora di più di un tourbillon.

Altre caratteristiche sul sito www.zenith-watches.com.

Ci sono voluti cinque anni per completare questo orologio che è stato presentato al Royal Observatory di Greenwich, sede istituzionale del meridiano a cui le ore del mondo intero si riferiscono. Il Christophe Colomb è un segnatempo che affonda le radici del suo nome nelle gesta di Zenith che già un secolo fa aveva dedicato un orologio da tasca Calibro Lèpin a Colombo che fu insignito di ben tre primi premi e di un certificato di precisione Classe A.

Buon sangue non mente. Il suo prezzo è di 209.000 CHF

Guarda il video teaser

 

Articoli correlati

Commenti

  1. ASSOLUTAMENTE FANTASTICO, bellissimo affascinante e le 36000 alternanze sono una garanzia. Una sola domanda non certo ironica: come si fa a tenerlo al polso con la bombatura sul fondello? Dalla foto non mi sembra sia poco sporgente. In cassaforte certamente ci sta anche dato il prezzo e il valore mecccanico.

    1. Dovrebbe sporgere di 5 mm dal fondello, che non sono pochi. Non sarà certo un orologio confortevole da portare; da una parte il suo organo regolatore, comportandosi come un giroscopio, deve essere capace di – qualunque posizione l’orologio assuma – rimanere sempre in piano – quindi come mostra il video il suo movimento è sferico. Dall’altra parte, il Triple Axis Tourbillon di Thomas Prescher – unico tourbillon 3D al mondo – compie anch’esso ma continuamente e a prescindere dalla posizione una traiettoria sferica, ma non sporgendo, non richiede alcuna cupola. Il Triple Axis è montato in una cassa con uno spessore uniforme di 16,5 mm – tutto sommato più che accettabile visto il comportamento del tourbillon. Probabilmente in un futuro prossimo se Zenith crederà in questa “sua” complicazione, la porterà in una fascia un po’ più bassa di prezzo e, riducendone le dimensioni, riuscirà ad eliminare quella cupola posteriore, magari accennandone solo il profilo di mezzo millimetro. Con lo zaffiro oramai si fa quel che si vuole…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest