Il magazine online di Orologi di classe

Arnold & Son Time Pyramid Guilloché (LIVE)

Unico: il tempo sospeso e scheletrato a disposizione piramidale di Arnold & Son

di Massimo Scalese 3 MIN LETTURA

 

0

di Massimo Scalese 3 MIN LETTURA

 

0

Arnold & Son Time Pyramid Guilloché

Nuovo Arnold & Son Time Pyramid Guilloché al polso
Time Pyramid Guilloché hands-on

Uscito forse prematuramente dalla finale al GPHG 2013 il Time Pyramid è uno degli orologi più spettacolari che siano mai stati creati negli ultimi tempi.

Tra quelli che fanno della loro complicazione la mera rappresentazione del tempo è per me il numero uno.

Al salone di Baselworld 2015 faceva bella mostra di se una nuova versione con una decorazione a guilloché da entrambi i lati: un nuovo scenario per il Calibro A&S1615 di manifattura che fa dei suoi elementi scheletrati e a disposizione piramidale (orologeria tridimensionale) una scena che mi ha creato non pochi problemi mentre scrivendo l’articolo osservavo le foto che ho scattato live.

scorcio finiture alta orologeria Time Pyramid Guilloché
L’orologeria 3D del Time Pyramid

Il nuovo alfiere della Instrument Collection perpetua i segnatempo da tavolo che l’orologiaio John Arnold era solito creare oltre 200 anni fa.

Time Pyramid Guillochè propone la formula del tempo degli orologi regolatori in un’architettura sovrapposta su tre livelli con i piccoli secondi alla base, l’indicazione dell’ora appoggiata su un livello intermedio, e in cima a tutto l’anello esterno dove sono indicati i minuti.

Per non distrarre l’occhio la corona di carica è stata piazzata a ore sei in mezzo all’elemento terminale inferiore del cinturino.

treno del tempo e sfondo a guilloché del Time Pyramid Guilloché
Uno dei 2 treni del tempo con Il guillochage sullo sfondo

Non solo Alta Orologeria in 3D

Ma lo spettacolo è anche fatto di finezze meccaniche. Questo segnatempo possiede due treni del tempo in linea disposti ai due lati: tutto quello che vi sta intorno come i bariletti di carica, lo scappamento, il bilanciere, e i ponti, sono tutti alla luce del sole.

La particolarità tecnica, aspetto che un Arnold & Son non tralascia mai, è rappresentata da due indicatori che segnano la riserva di carica separatamente su altrettante scale caratterizzate da punti incisi sul vetro in zaffiro.

E’ qui che essendo essi disposti in serie mostrano come la carica- man mano che va ad esaurirsi  – passa da un bariletto all’altro. Tutto questo si traduce in un’autonomia elevata che per il Calibro a carica manuale raggiunge le 90 ore: un ottimo sistema per ottenere senza tante difficoltà un buon livello di forza costante.

foto fondello lavorato a guilloché
Coperchio con guilloché

Ma come mostrano le foto, la particolarità di questa novità è come dichiara già il suo nome tutta incentrata sulla pregiata decorazione a guilloché della cassa in oro rosso che con i suoi 44,6 mm di diametro è piuttosto XXL per un orologio dalle forme classiche.

Tuttavia alla Arnold & Son rispondono che per assecondare la forma del polso il design delle anse è asimmetrico con la copia inferiore a ore 6 più corta e rastremata verso il basso in modo da poter meglio avvolgere il polso.

Le decorazioni a côtes de Genève verticali, che si scorgono affiorare sempre a ore 6 in prossimità della scritta Arnold & Son, gli smussi degli elementi cui finitura alterna zone lucide a zone satinate – tenuti insieme da viti in acciaio azzurrate con la testa lucidata – completano il quadro di questo orologio che grazie al suo trasparente gioco tridimensionale è fatto più per essere ammirato in rigoroso silenzio che per leggere le ore.

dettagli 3D del Calibro A&S1615
Arnold & Son Calibro A&S1615

Tra l’altro considerati i livelli di Alta Orologeria raggiunti dal Time Pyramid Guilloché il suo prezzo di listino di CHF 42.900 (escluse le tasse) non è neanche elevato.

Peccato che a rovinare tutto e tutti ci abbia pensato da inizio anno il cambio della valuta svizzera.

Altri dettagli su Arnold & Son online.

NOTA: L’articolo “Arnold & Son Time Pyramid Guilloché (LIVE)” è stato pubblicato la prima volta il 6 maggio 2015.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close