Il magazine online di Orologi di classe

Da Blancpain il primo orologio con Tourbillon e Carrousel (VIDEO + foto live)

Novità 2013 Blancpain presenta il Tourbillon Carrousel primo orologio meccanico al mondo a incorporare entrambe le complicazioni.

di Massimo Scalese 4 MIN LETTURA

 

0

di Massimo Scalese 4 MIN LETTURA

 

0


Uno dei pezzi più complicati in assoluto visti (e… toccati) a Baselworld 2013 è stato per me senza dubbio il Blancpain Tourbillon Carrousel, primo segnatempo al mondo a montare e far marciare insieme i due più sofisticati regolatori meccanici che le tradizioni dell’Alta Orologeria meccanica possano mai vantare. Mentre sto scrivendo rivedere pulsare tra le mie mani nel video e nelle foto live, a ore 12 una variante volante del tourbillon e a ore 6 il carrousel mi fa rivivere quelle forti emozioni provate poco più di una decina di giorni fa.

Tourbillon Carrousel: due STAR dell’Alta Orologeria meccanica

Entrambi i meccanismi rappresentano la firma delle complicazioni della manifattura di Le Brassus per quanto – non mi stancherò mai di ripeterlo – il tourbillon volante è un’invenzione dell’orologeria sassone; dall’altra parte in termini di spettacolarità il carrousel, nato come alternativa al meccanismo inventato da Abraham-Louis Breguet, non è certo inferiore al primo come sottolineava in una recente intervista il massimo esperto mondiale di questa complicazione Vincent Calabrese, nonché colui che (recentemente) ha messo a punto proprio tutti quelli che equipaggiano gli orologi Blancpain.

Mettere due complicazioni del genere insieme è stata davvero una prodezza tecnica. In questa novità Baselworld 2013 Blancpain Tourbillon Carrousel propone un modello con tourbillon volante all’altezza delle ore 12, un carrousel volante all’altezza delle 6 e un datario marcato da una lancetta a ore 3.

A osservarli visivamente si rimane subito colpiti dalle differenze e dalle somiglianze che caratterizzano i due meccanismi e dalla loro ipnotica rotazione. Ciascuna delle due gabbiette, indipendenti l’una dall’altra, è collegata mediante un differenziale che trasmette la marcia media dei due regolatori all’indicazione delle ore.

La corona permette la ricarica simultanea dei due bariletti, fatto che permette ad entrambi i meccanismi di marciare sincroni e senza esitazioni per sette giorni. Il fondello di zaffiro mostra il complicato Calibro e l’indicazione della riserva di carica.

Blancpain che da tempo utilizza per i suoi segnatempo complicati sia il tourbillon sia il meno diffuso carrousel, ha voluto in fase costruttiva differenziare i due sistemi – cui scopo è comunque sempre lo stesso, cioè di regolare le oscillazioni. Nel caso del tourbillon la gabbietta è collegata al bariletto attraverso un unico ingranaggio. Ciò significa che, in caso d’arresto del collegamento meccanico, anche il tourbillon smette di girare. Il carrousel invece è collegato al bariletto mediante due ingranaggi; il primo fornisce l’energia necessaria al funzionamento dello scappamento, mentre il secondo controlla la velocità di rotazione della gabbietta. La differenza tra i due sistemi consiste perciò in una struttura più elaborata e più ricca di componenti per il carrousel, ma la vera sfida – mai vista sinora cui la manifattura ha voluto misurarsi – è averli fatti coesistere in un unico movimento.

Il quadrante “open” permette di vedere sia i due meccanismi regolatori in funzione, sia i particolari coinvolti – comprese le loro finiture. Il nuovo calibro a carica manuale 2322 dal diametro di 35,3 mm e spesso 5,85 mm, ed è composto di 379 parti tra cui due nuove spirali in silicio.

La cassa in luccicante oro rosso misura ben 44,60 mm di diametro, misure che testimoniano come – se incantato ti fosse ancora sfuggito – questo Blancpain non sia un pezzo concepito per i nostri mercati. La cosa non impedisce di rimanere comunque a bocca aperta notando tra l’altro che il suo spessore – viste le complicazioni a bordo – con i suoi 11,94 mm è invece abbastanza contenuto. Sul quadrante il giro delle ore è ricoperto da smalto Grand Feu mentre i numeri romani in oro 5N riprendono la tonalità della cassa.

Meccanicamente parlando si tratta di un pezzo mozzafiato, primo a raccogliere in un unico segnatempo due meccanismi regolatori – da sempre e per sempre antagonisti – ma accomunati da un’ indiscussa e irraggiungibile spettacolarità. contaminuti

Aggiornamento. Prezzo consigliato al pubblico 255.340€.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest