Il magazine online di Orologi di classe

Orologio tourbillon Haldimann H8 Sculptura

di Massimo Scalese 3 MIN LETTURA

 

4

di Massimo Scalese 3 MIN LETTURA

 

4

Non ci puoi credere, neanche se leggessi un articolo come questo stampato su carta: per esere sicuro dovresti prendere l’auto valicare i confini e andare in Svizzera fino a Thun. Un mastodontico e sorridente orologiaio ti accoglierebbe nel suo atelier – una villa liberty del 1907 – e ti dimostrerebbe che da lì il tempo può solo che “uscire”, come risultato di tanta passione.

Non è permesso invece che “entri” con i macchinari a controllo numerico e tutta la tecnologia che oggi ogni Maison non si fa mancare: Beat Haldimann mastro orologiaio con l’aiuto dei sue due collaboratori, sarebbe li sull’uscio a rispedirla indietro.

Ci vorrebbe solo un articolo (uno non basterebbe) per mostrare i processi di lavorazione di un tempo che Beat usa per realizzare i suoi segnatempo, sempre alla ricerca di torni e macchinari d’epoca, per il cui acquisto è disposto a spostarsi ovunque, per ora, solo sula terra.

Parlerò quindi brevemente di H8 che più che orologio possiamo chiamarlo una scultura. H8 si basa su un precedente modello di Haldimann, H1. Oltre ad essere sprovvisto di lancette è dotato di altri fini accorgimenti, come il trattamento galvanico del quadrante, procedimento anche questo rigorosamente effettuato “in house”.

Il risultato è che il gracile tourbillon sembra quasi uscire dal cristallo mentre trotterella silenzioso. Invece di costruire un multi-tourbillon Beat ha preferito concentrarsi su uno solo, ma donandogli con il suo aspetto una visibilità unica che permette di amirare e di far ammirare questa magica complicazione, come nessuno aveva mai fatto prima.

La cassa di H8 è in platino e può essere a scelta di 39 o 42 mm. Il suo tourbillon volante che si è liberato dalla schiavitù delle lancette è posto al centro ed è mosso dal Calibro H.Zen-H che batte prendendosela calma a 18.000 alternanze/ora quasi per non disturbare l’ambiente che lo circonda.

Come tutti gli altri orologi che Haldimann produce, H8 è interamente realizzato in casa, uniche eccezzioni che Beat sottolinea sono il cristallo e il cinturino in alligatore. Come spiegavo prima, il suo laboratorio è stato messo su con un attenta e frenetica ricerca dei macchinari vintage pre controllo numerico e appena entri in certi locali un odore di olio non sgradevole ti viene subito incontro.

H8 può considerarsi un orologio provocativo. Vederlo marciare provoca stupore e meraviglia. Il meccanismo regolatore fuori dalle consuete posizioni incanta ed ipnotizza chi lo fissa.

contaminuti

 

Articoli correlati

Commenti

  1. l’orologio tourbillon HALDIMANN scultura è un i…….nspirazione,direi di più anche vedendolo solo in fotografia non solo ti ipnotizza ma ti entra anche in circolo nel D.N.A. !!!!! ma quanto costa una brivido… del genere?

    1. Fantastico il tuo commento… e sono pienamente d’accordo! Ci sono alcuni orologiai indipendenti (alcuni li puoi trovare recensiti qui cercando sulla destra il Tag omonimo) come Haldimann che riescono a far diventare realtà qualsiasi fantasia. H8 costa 112.000 Eur. Beat, visto che per costruirlo non usa alcuna macchina controllata da computer, può veramente dire con orgoglio che ogni suo pezzo è… unico!

  2. grazie per le tue preziose informazioni, ti voglio suggerire anch’io un altro scultore che non c’è nella tua lista ma che dicuramente conoscerai, si tratta di Vincent Calabrese che con i suoi ponti sospesi ha annullato la forza di gravità della terra allegerendola fino all’inverosimile e sfidando le leggi della fisica la faceva rimanere come una nuvola sospesa nell’atmofera, peccato che in seguito ha dovuto privilegiare il vile mercato.!!!… ,sebbene con la nascita diuna creatura di alta orologeria

    1. Ciao Valentino, grazie per la tua attenta osservazione. Conoscevo Calabrese e i suoi segnatempo particolarmente classici e – come dici tu – per essere l’espressione di quell’artigianalità tipica degli orologiai indipendenti capaci di “lavorare a ritroso nel tempo” un po’ come Beat… Prometto di dedicargli un articolo appena sarà possibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest