Il magazine online di Orologi di classe

Carlo Ferrara Regolatore: l’orgoglio dell’innovazione orologiera italiana

Carlo Ferara è uno dei pochi esempi di scuola italiana di orologeria vincente nel mondo.

di Massimo Scalese 2 MIN LETTURA

 

0

di Massimo Scalese 2 MIN LETTURA

 

0

Anche chi ci conosce sin dai primi articoli non ha mai potuto vedere come sia a me che a Robert, ci “tremino letteralmente i tasti” quando si discute insieme di quale orologio ci piacerrebbe scrivere; sia mai possedere…

Da sempre però ci siamo trovati d’accordo nell’ammirare la fantasia orologiera fatta poi realtà di Carlo Ferrara.

Nel 1991, se proprio non è riuscito nel cambiare la misura del tempo, l’orologiaio romano ha inventato dove far andare le lancette facendole danzare in un insolito percorso sul quadrante.

Dopo anni di ricerca, si è arrivati al traguardo: la partenza è stata con un tradizionalissimo movimento automatico calibro Eta 2892A2,  poi sapientemente e profondamente modificato – CF100 – come nessuno aveva mai potuto intuire prima. A partire dal comportamento delle ore e dei minuti che possono l’una salire mentre l’altra scende, si rimane a bocca aperta quando le lancette stesse cambiano direzione di marcia: quella che prima saliva ora discende e viceversa.

Come spiega Ferrara, “l’idea fu quella di interpretare un regolatore in orizzontale e non in verticale come fanno tutti”. Due ruote dentellate così disposte sono il segreto brevettato.

Un regolatore, per chi non lo sapesse, è un inconsueto orologio che ha un movimento realizzato con due alberi indipendenti, uno per i minuti – di solito in posizione abituale al centro – e l’altro per le ore disassato sulla parte del quadrante superiore o inferiore.

Oggi la collezione di Carlo Ferrara propone sei elementi: Quadro, Classic, Sport, Classica Oro e Diamanti per un infinità di personalizzazioni.

CARLO FERRARA Prima di partire per la Svizzera diamo un’occhio alle idee italiane…

contaminuti

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close