Il magazine online di Orologi di classe

Rolex Datejust 41, L’Orologio Per Tutti I Giorni Si Rinnova (Aggiornato)

È il nuovo Rolex Datejust 41 l'orologio per tutti i giorni? Scoprilo in questa recensione approfondita del MY 2017 con foto live e tutte le info con prezzo.

di Massimo Scalese 7 MIN LETTURA

 

26

di Massimo Scalese 7 MIN LETTURA

 

26

orologio Rolex Datejust 41 2017

Oggi la maggioranza di chi lo osserva è ancora portata a liquidarlo frettolosamente con l’aggettivo “classico”. E pensare che nell’oramai lontano 1945 il Datejust è stato il primo orologio da polso a poter vantare – e tutte insieme – le seguenti allora futuristiche peculiarità:

  • Un movimento automatico con certificato di cronometro
  • Un’affidabile impermeabilità grazie all’allora futuristica cassa Oyster
  • L’indicazione della data a ore 3 diventata in seguito la più visibile grazie all’iconica lente Cyclope

Apparso tra le novità 2017 un po’ in sordina rispetto alla pressione mediatica esercitata dalla riedizione del subacqueo professionale di casa in occasione del suo cinquantesimo anniversario, dopo più di settant’anni il nuovo Rolex Datejust 41 appare oggi più che mai l’orologio da tutti i giorni.

Vediamo insieme in che cosa consistono le spesso presunte minime modifiche che la casa coronata ha implementato; ma prima di iniziare ecco un breve approfondimento sulla sua genesi.

INDICE

Storia del Rolex Datejust

Nonostante tuttora le sue sembianze siano molto classiche, alla fine della Seconda Guerra Mondiale il Datejust poteva vantare una tecnologia rispetto alla concorrenza quanto uno smartwatch oggi verso un solotempo. L’abilità di Rolex è stata quella di fermarsi quasi totalmente per l’estetica e a lasciarvi invece scorrere dentro piano piano tutte le sue continue migliorie tecniche.

Primo orologio Rolex Datejust 1945
1945 – Primo Rolex Datejust

In realtà la storia del Datejust parte ancora da più da lontano. Oltre cent’anni fa ed esattamente nel 1910 Rolex ricevette dal Bureau officiel de contrôle de la marche des montres di Bienne (CH) il primo certificato di cronometria mai rilasciato per un orologio da polso. La cassa Oyster è proprio il caso di dire che dal 1926 racchiude come un’ostrica il movimento grazia a fondello, lunetta e corona tutti serrati a vite.

È del 1931 il primo movimento automatico con rotore Perpetual, massa oscillante con movimento che procedendo in entrambe le direzioni (bidirezionale) contribuiva a ricaricare i bariletti più in fretta, come avviene ancora oggi per i migliori automatici . Infine nel 1933 Rolex deposita il nome “Rolesor” che nei suoi segnatempo serve a identificare l’abbinamento di oro e acciaio. Il Rolex Datejust 41 del 2017 è infatti in Rolesium oro bianco e acciaio

NOTA: Al momento del lancio del Datejust Rolex quindi riunì il meglio della sua tecnologia ma come si vede solo dopo averla ben collaudata; un’abitudine cui la Maison oggi non ha la minima intenzione di perdere. Difatti le grandi innovazioni, tipo la spirale Syloxi (silicio) del movimento Caibro 2236 presentata a Baselworld 2014, è stata introdotta in un modello di nicchia come il Pearlmaster da 34 mm.

Per quanto riguarda il datario a ore 3 – che da sempre identifica da lontano un Datejust – bisognerà però aspettare sino al 1956 per vederlo sovrastato dalla lente ciclopica, altrimenti chiamata anche magnificatrice.

Concludendo la storia dai fatti più recenti, Rolex presentò nel 2012 il primo Datejust da 41 mm sempre in acciaio ma con lunetta liscia.

Il Datejust 41, L’orologio per tutte le occasioni

Estetica
In generale di questa collezione Rolex è stato praticamente già detto e scritto tutto, salvo il fatto che quello che riguarda questa recensione, esteticamente parlando, è il primo Datejust 41 mm in Rolesor bianco, ossia con cassa in acciaio e la tipica lunetta zigrinata in oro bianco. Chi ha un polso di grandi dimensioni non deve quindi, come prima del 2012, pensare di utilizzarlo solo per occasioni formali e perciò può liberare tutta la sportività offerta dalle sue caratteristiche. È il primo segnale che, anche per la presenza dell’irraggiungibile acciaio 904L, questo è un Oyster da indossare tutti i giorni.

orologio Rolex Datejust 41
2017 – Rolex Datejust 41 Rolesor bianco

Molto bello il quadrante blu con finitura a soleil. È possibile abbinarlo sia al tipico bracciale Oyster a tre maglie sia al Jubilé. Personalmente preferisco la prima opzione, per quanto grazie alla presenza della lunetta zigrinata ci può stare bene anche l’altro.

Movimento
Monta il Calibro Perpetual 3255 che a oggi è il meglio che Rolex possa offrire per un movimento automatico (senza cronografo). Visto la prima volta nelle novità 2016 è lo stesso che anima il “fratello” Rolex Datejust 41 disponibile in versione Rolesor giallo o Rolesor Everose e il nuovo Sea-Dweller.

Per arrivare subito al punto due sono le caratteristiche di spicco dell’ultimo movimento di manifattura Rolex: la prima è di carattere squisitamente tecnico, la seconda riguarda la sua certificazione.

Rolex Nuova Certificazione di Cronometro Superlativo

Come si cerca di ottenere oggi anche dai movimenti con cronografo, Rolex ha puntato per una riserva di carica di 70 ore e, per ottenerla, come dimostrano le ultime interpretazioni della micromeccanica orologiera, i suoi progettisti hanno optato per un singolo e maggiorato bariletto invece che due. È una scelta che offre indubbiamente minori trascinamenti e perciò incrementa anche la regolarità della forza che dal bariletto passa allo scappamento. E a questo singolo bariletto è stato abbinato il recente scappamento Chronergy brevettato da Rolex realizzato in nichel-fosforo una lega amagnetica.

caratteristiche Rolex Datejust 41 2017

Il secondo punto è il rilascio della certificazione di cronometro superlativo con la quale Rolex certifica che il movimento in questione, e già incassato, offre uno scarto massimo giornaliero di -2/+2 secondi al giorno.

Eccezionale, ma nulla di sorprendente. Recentemente mi è capitato di rilevare – anche se senza l’aiuto di un cronocomparatore, scarti giornalieri ben inferiori ai 2 secondi e su un movimento senza alcuna certificazione cronometrica, per quanto ovviamente ben regolato anche lui a movimento incassato. (NB la certificazione di cronometro canonica rilasciata dal COSC – a movimento NON incassato – è valida se lo scarto medio giornaliero è tra -4 / +6 secondi/die rilevati a temperature di 8, 23 e 38 gradi C).

Da rilevare che la certificazione di Cronometro Superlativo è consegnata insieme a una garanzia di cinque anni.

Altri dettagli nel successivo paragrafo.

Caratteristiche tecniche

Modello: Rolex Oyster Perpetual Datejust 41
Referenza cassa: 126334 | Referenza bracciale: 72610

CASSA

Modello: Oyster (carrure monoblocco, fondello e corona entrambi a vite)
Diametro: 41 mm
Materiale: Rolesor bianco (abbinamento acciaio 904L e oro bianco 18 ct.), finitura lucida
Lunetta: Zigrinata
Fondello: A vite con scanalature Rolex
Corona di carica: A vite, sistema di doppia impermeabilizzazione Twinlock
Vetro: Zaffiro antiscalfitture, lente d’ingrandimento: Cyclope sul datario, doppio trattamento antirilesso

Impermeabilità: Fino a 100 metri

Datejust 41 cassa, bracciale, fondello

MOVIMENTO

Calibro: 3235, Manifattura Rolex
Movimento: Meccanico a carica automatica bidirezionale con rotore Perpetual
Precisione: –2/+2 sec/giorno con movimento incassato
Funzioni: Ore, minuti e secondi al centro Indicazione della data istantanea a ore 3 con correzione rapida. Arresto dei secondi per una regolazione precisa dell’ora
Frequenza: 28.800 alt./ora (4 Hz) Spirale Parachrom blu paramagnetica Curva Rolex
Bilanciere: di grandi dimensioni a inerzia variabile
Taratura: Di alta precisione mediante 4 dadi Microstella in oro
Ponte del bilanciere: Passante
Dispositivo antiurto Parafex ad alto rendimento
Scappamento: Chronergy a rendimento ottimizzato
Ancora e ruota di scappamento: Paramagnetiche in nichel-fosforo
Pietre: 31 rubini
Autonomia: Circa 70 ore

QUADRANTE

Colore: Blu, FInitura soleil
Indici : Applicati iin oro bianco 18 ct., Chromalight
Lancette: Oro bianco 18 ct., Chromalight
Bracciale: Modello Oyster (3 file), maglie massicce
Materiale: Acciaio 904L, elementi centrali lucidi, elementi laterali satinati e lucidi sui lati
Fermaglio: Oysterclasp con chiusura pieghevole
Maglia di prolunga: Rapida Easylink di 5 mm

Prezzo e Conclusioni

Il Datejust 41 acciaio in Rolesor costa prezzo di listino 8.700 Euro. A chi è la prima volta che mi legge dico che non sono solito commentare l’aspetto economico di alcun segnatempo, e tantomeno lo farò ora; tuttalpiù mi piace individuare dei segnatempo con un buon rapporto qualità/prezzo, ma non è il caso di Rolex che da sempre si concentra solo sul primo dei due parametri tanto da essere sicura che sarà poi l’utente, budget permettendo, a chiudere il cerchio.
Dopo aver cercato di recensire in profondità l’ultimo pezzo derivante dalla collezione (presunta) classica top della Maison ginevrina è ora arrivato il momento di leggerlo cercando di vedere oltre tutti quei particolari che sembrano non cambiare mai. Ecco le mie conclusioni.

Ok 72 anni sono tre quarti di secolo, ma del primo modello del 1945 il Datejust ha mantenuto oggi solo la maschera. Nato, e ancor oggi (divertentemente etichettato da Rolex stessa nel suo sito come un “classico”), nel suo lungo corso si è allontanato di molto dalla mentalità espressa da quella prima versione con cassa e bracciale Jubilé in oro.

nuovo Datejust 41

Giocando sulle sue incrementate dimensioni il Datejust 41 maschera bene le sue mille attitudini al polso.

Partiamo da ciò che ci rassicura. Il Datejust 41 è sobrio, elegante, è il classico della Maison giusto? Il proverbiale acciaio 904L di Rolex con la sua qualità e robustezza irraggiungibile, brillantezza delle finiture lucide comprese, è l’ideale per chi vuole un segnatempo da indossare quotidianamente al lavoro, e cerca sicurezza in uno status ottenuto da forme diventate al di fuori del tempo stesso. Bello, soprattutto in questa nuova versione dal quadrante blu soleil, e per chi diciamolo non se la sente di osare con qualcosa di strano.

Elegante. Se è arrivato il momento di mantenere quella promessa e andare a quella prima de La Scala, non devi neanche sfilartelo dal polso. Il problema è solo tuo: cosa ci metto intorno?

Viaggi in luoghi poco raccomandabili a parte, con i suoi 100 metri di impermeabilità puoi indossarlo per un tuffo o per immergerti seriamente tutte le volte che vuoi. La cassa Oyster è “l’impermeabilità in persona”, specialmente da qualche anno dove per aprire il fondello a vite, rigorosamente pieno, non è più così semplice. Un tempo per fare questa operazione bastava comprare un kit su ebay investendo meno di 10 Euro. Ma oggi varrebbe la pena? Con 5 anni di garanzia e un certificato di cronometria che garantisce uno scarto medio di ± 2 secondi/die se fosse mio lo controllerei ogni mese, magari utilizzando il pratico sito toolwatch.io con app per tutti gli smartphone.

Da questi fatti si evince che il Rolex Datejust 41 è davvero uno tra i massimi esempi contemporanei di orologi per tutti i giorni e visto soprattutto in questa prospettiva lo promuovo a pieni voti.

È l’unico? Certamente no ma solo se ce la si sente di “uscire” dal vincente ma stretto schema Rolexwww.rolex.com

Aggiornamento 8.11.2017

Errata corrige: Il Rolex Oyster Perpetual Datejust 41 Referenza cassa: 126334 | Referenza bracciale: 72610 costa 8.700 Euro.

 

Articoli correlati

Commenti

  1. Un bell’articolo e molto approfondito. Piano piano il Rolex Datejust 41 è salito a livelli di successo davvero irraggiungibili anche per Omega, che però bisogna notare che ultimamente è di gran lunga più innovativa di Rolex. Parlavi della spirale Syloxi in silicio introdotta nel 2014; oggi nonostante siano passati altri tre anni a Baselworld 2017 è stato presentato un Lady-Datejust da 28 mm chiaramente femminile sempre con Calibro 2236 e spirale Syloxi. Non riesco a capire come mai a Ginevra continuino a tenere così lontano il silicio dalle collezioni guida… I suoi vantaggi almeno per un segnatempo di utilizzo quotidiano sono oramai evidenti.
    Comunque con movimento cronometro superlativo o no sono anni che il Datejust è l’orologio per tutte le occasioni! Con 100 metri di profondità è un vero sub! Ciao

  2. Grazie per l’autorevole commento! Hai fatto una serie di importanti considerazioni: si, è vero Omega calca la strada dell’innovazione molto più di Rolex, ma credo che per entrambi si tratti esclusivamente una questione di scelte. Salvo eventuali scoperte individuali, le capacità tecnologiche dei due brand si equivalgono.
    A mio parere è di nuovo solo per scelta che Rolex non ha ancora deciso se/di adottare il silicio in pianta stabile per tutte le sue collezioni. Guarda quanto ci ha messo prima di – un paio d’anni fa – dotare per la prima volta un suo orologio di un bracciale in caucciù.. pardon di un bracciale Oysterflex! (A Ginevra è vietato nominare il termine “caucciù”). Perchè? Perchè il primo comandamento della Maison è creare orologi semplici, estremamente affidabili e qualitativi, dalla comprovata impermeabilità, e con un bracciale in acciaio per non doverselo mai sfilare, neppure per fare la doccia.
    Sempre per me solo quando Rolex avrà sperimentato, solo lei e a bordo dei suoi orologi, a lungo termine il silicio, allora deciderà se estenderlo a tutti i modelli della collezione Datejust 41 compresi. Si Il Datejust lo puoi proprio usare anche come un subacqueo, tenendo conto che oramai per calcolare tabelle di compensazioni e rilevamenti vari oggi si usano solo dei computer subacquei dedicati!

  3. Ho girato tante pagine per sapere quanto costa ma non ci sono riuscito. Voi gentilmente sapete quanto costa@

    1. Ciao Beniamino, grazie per il commento! È riportato nell’ultimo paragrafo “Prezzo e Conclusioni”. 6.850 Euro.

      1. Fabrizio, grazie! Si hai perfettamente ragione il prezzo corretto del Oyster Perpetual Datejust 41 126334 è 8.700 Euro; una svista che ci siamo portati dietro dall’articolo scritto da Baselworld sulle novità Rolex 2017. Correggo subito entrambi i post, grazie ancora..

        1. Buonasera,
          Ho recentemente ordinato il Datejust 41 mm della recensione ad un rivenditore del Principato di Monaco.
          Il prezzo di acquisto dell’orologio nuovo, spedizione in Italia inclusa, è stato di 6.910€.
          Sul sito Rolex il prezzo di vendita consigliato è di 8.700€, quindi 1.790€ più alto.
          Su Chrono24 il prezzo medio di mercato è attualmente stimato 7.800€.
          Forse Rolex ha delle aspettative troppo alte per questo modello?

          Grazie

          GM

          1. Grazie per il commento. Non si tratta di alcuna aspettativa, per cui né alta né bassa. Tutti gli orologi di qualunque marchio hanno un prezzo di listino consigliato, cui i rivenditori, almeno quelli ufficiali non possono superare. Gli stessi sono comunque liberi di venderli a prezzo pieno o effettuare uno sconto dell’importo/percentuale desiderato. Ogni concessionario potrebbe avere o non, l’urgenza di vendere un pezzo per comprarne un altro: si tratta di normali attività commerciale. Comunque – facendo le giuste considerazioni – è giusto per chi compra a parità di entità che commercializza un orologio, cercare una referenza al prezzo più conveniente, tenendo conto anche del rischio di pagare eventuali dazi se proveniente da una nazione fuori dalla comunità EU. Infine anni fa ho scritto una guida dove poter trovare alcuni consigli su come comprare un orologio nuovo.

  4. Siete sicuri del prezzo di listino? Perché a 6850€ sul sito rolex e’ selezionabile la versione in acciaio. Il Rolesor con lunetta zigrinata che avete recensito sale a 8700€.

  5. Buonasera, un informazione questo rolex referenza 126334 sia in configurazione oyster o jubilè nel bracciale è in oro bianco? grazie

    1. Grazie per la domanda Roberto! Il Rolex Datejust 41 ha la cassa in Rolesor bianco (acciaio + lunetta in oro bianco). Sia il bracciale Oyster sua quello Jubilé sono interamente in acciaio 904L.

  6. Buongiorno,

    ho ricevuto qualche settimana fa l’orologio.
    Confermo che è un articolo molto bello. In particolare, personalmente, apprezzo il quadrante blu con finitura a soleil che, sotto la luce solare, presenta colori blu cangianti di gran contrasto con la lunetta lucida color oro bianco.
    Sto monitorando anche la precisione dell’orologio con il software Toolwatch. Lo scarto medio è ad oggi (dopo 5 misurazioni) di -1.5 secdie.
    Perfetto direi.

  7. Mi scusi per la domanda che sembrera’ pleonastica rispetto a cio’ che ho letto in recensione.
    Siamo sicuri che il DJ 41 blu dial sia altresi disponibile con bracciale jubilèe?
    Il sito Rolex lo presenta solo in versione bracciale oyster.
    Grazie.

  8. Mi sembra che non sia stato detto, per me è un aspetto molto importante, che il vero diametro, esclusa la corona, non è di 41mm, ma di 39,5. In effetti lo trovo molto più armonioso del predecessore Datejust 2

  9. Buona sera, e complimenti per la recensione esaustiva a tal punto che mi ha fatto prendere la decisione finale sul segnatempo che avrò quast’anno. Desidero porle una domanda: che referenza ha il bracciale Jubilèe e quante maglie sono presenti? esiste un catalogo dove si possono trovare tutte le referenze con relativa descrizione dei bracciali per Datejust?
    Grazie in anticipo per la cortese attenzione
    Mauro

  10. Ciao Mauro grazie per il commento. Purtroppo dei dati cui chiedi sui bracciali non ne parlano neppure le cartelle stampa ufficiali; posso solo dirti che la referenza del bracciale jubilé del Datejust 41 (acciaio e oro giallo) è la 62613 e che detti bracciali sono composti da una fila di 5 maglie, ma per conoscere altre informazioni l’unica è quella di recarsi da un rivenditore ufficiale Rolex.

  11. Buona sera, sono possessore di un Date Just 41 quandrante blu, acquistato recentemente, il mio però trattasi di un secondo polso in quanto dalla garanzia plasitificata Rolex è un modello del 2010….anche se praticamente identico a quello della recensione; unica differenza visiva che ho notato, sulla chiusura, nelle versioni più recenti come quello della recensione, la linguetta che si aggancia alla chiusura, sotto ha una specie di Sostegno/molla che la tiene Sempre nella stessa posizione facendola leggermente flettere quando si apre il bracciale o lo si chiude, mentre nella mia versione la linguetta Non ha questa specie di molla dietro ma è “libera” e quando è sganciato si muove liberamente, rimanendo però perfettamente aderente al bracciale una volta allacciato l’orologio al polso….le chiedo gentilmente: mi conferma questa leggera differenza sulla chiusura del Datejust 2 da 41 tra la versione Più recente (recensita da voi) e la mia ???? Grazie buona serata

    Marcello

  12. Ciao Marcello, sinceramente e da qui non ne ho idea: sia che si tratti di un bracciale Jubilé o un Oyster la chiusura può essere a scelta con il fermaglio Oysterclasp (con serraggio invisibile come il Datejust 41 della recensione) o Oysterlock. Magari la tua è la seconda. A questo link trovi un approfondimento sul sito Rolex; se non riesci a risalire di quale delle due si tratti potresti chiedere a un qualsiasi concessionario ufficiale che credo ti risponderà volentieri fugando ogni tuo dubbio.

  13. C’è una grossa differenza tra il 41/ mm 116334 e il 41/mm126334 il movimento è nuovo il quadrante molto diverso i numeri sono più piccoli la ghiera in oro bianco molto migliorata .. Gianfranco

  14. Buongiorno .. ho acquistato da poco da un privato un datejust 41mm ref 116334 con garanzia Rolex…ghiera oro bianco .. anno 2011 .. la carica leggermente duretta … secondo voi ha bisogno di revisione? Anche se va benissimo .!!!ps il prezzo comunque non si discosta molto dal prezzo di listino… i Rolex sembrano lievitare ogni anno che passa. Il tempo di carica e’ 48 ore o più? Grazie

  15. Complimenti Igor! Il tuo è un Datejust II da 41 mm prima serie. La carica manuale, che va comunque usata solo quamdo riprendi l’orologio dopo che l’hai fermato per un po’ o se non lo metti al polso per più di 24 ore (monta il movimento automatico 3136 con 48 ore di riserva di carica), deve far trazione ma non deve essere molto dura. Se vuoi tenerlo bene e calcolando che ha 10 anni, e che non sai come l’ha tenuto il precedente proprietario, considera di fare una revisione/pulizia del movimento nella quale è compresa anche una verifica dell’impermeabilità. Grazie a te per aver commentato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close