Il magazine online di Orologi di classe

Pensavi che Omega Speedmaster Non Potesse Più Migliorare, Invece…

Nel 2021 il cronografo Omega Speedmaster Moonwatch, primo e unico orologio ad andare sula luna, ha ricevuto il più grande aggiornamento di sempre

di Massimo Scalese 8 MIN LETTURA

 

19

di Massimo Scalese 8 MIN LETTURA

 

19

Omega Speedmaster Moonwatch 2021
sn vetro zaffiro dx vetro esalite

Quando metti le mani su un’icona il rischio di fare danni è sempre molto alto. Ti ricordi il primo remake del Maggiolino? Erano ormai molti anni che Omega doveva intervenire sullo Speedmaster, in particolare sul suo movimento. Ora – a operazione conclusa – è ancora l’ineguagliabile Speedmaster Moonwatch di sempre, l’orologio più riconoscibile del brand e che tutti adorano?

Scopriamolo insieme in questa recensione.

Diversamente da molti altri cronografi per un Moonwatch il movimento è di gran lunga l’elemento più importante.

La storia di questo orologio e la strada che segnò il suo successo sono più insoliti che mai.

Omega Speedmaster Moonwatch 2021 lato

Nei primi anni ‘60 l’America – da sempre madre di tutto quello che gira intorno a vendite e marketing – non aveva ancora inventato i testimonials e gli influencer, per quanto se ci fossero anche stati la NASA non si sarebbe mai basata sulle loro opinioni.

Fatto sta che lo Speedmaster nato alla fine degli anni ‘50 ma pensato per tutt’alto utilizzo (cronografo sportivo automobilistico), si guadagnò tutta la sua fama per le sue reali prestazioni che sbaragliarono tutti i crono che l’agenzia spaziale aveva acquistato per sottoporli a test di funzionamento e precisione, in condizioni ben oltre l’estremo. (Vedi in questo articolo tutte le prove che il Moonwatch ha dovuto affrontare e vinto sugli altri contendenti per il titolo di orologio ufficiale della NASA)

Preparativi

Di sicuro l’avvicinarsi del 2019, l’anno del 50° giubileo della prima camminata sul Satellite in compagnia di uno Speedy, ha sbloccato o accelerato il cambiamento, fatto sta che Omega si è presentata a ridosso di questo importante anniversario con due nuovi movimenti:

Sempre nel 2019 il primo è finito dentro il Moonwatch del Giubileo in platino  e nel 2020 dentro il remake dello Speedmaster ST 105.003 in acciaio che nel 1965, al polso dell’astronauta Edward White durante la missione Gemini 4, segnò il primo Speedy a camminare nello spazio. Ancora nel 2019 il calibro 3861 ha completato l’attesissimo Moonwatch in acciaio dei 50 anni.

nuovo Omega Calibro 321
Omega Calibro 321 remake

Insomma, gli Speedy animati dal neo rigenerato 321 hanno di fatto creato una nuova linea di Moonwatch premium, ma esclusa la referenza del giubileo in acciaio, rimaneva ancora da decidere quando e come la “normale” linea Speedmaster si sarebbe rinnovata.

La risposta, come oramai Omega ci ha abituato da qualche anno, è arrivata nei primi giorni di gennaio.

Non mi resta ora che partire facendomi aiutare dalle foto live che abbiamo scattato la settimana scorsa.

Omega Speedmaster Moonwatch Professional Master Chronometer 2021

Come ho già accennato in apertura lo Speedmaster Moonwatch 2021 rappresenta in sintesi il più grande aggiornamento mai rilasciato nella collezione.

Calibro 3861

Omega Speedmaster 2021 Calibro 3861
Omega calibro 3861

Il 3861 monta uno scappamento co-assiale, meccanismo che da oramai un ventennio è la bandiera tecnologica di Omega. Tuttavia è la prima volta che tale scappamento viene montato su un movimento a carica manuale.

Inoltre, come sottolineato dal nome dell’orologio stesso, questo calibro possiede il certificato di Master Chronometer il che significa che il movimento è stato testato incassato con le specifiche dell’istituto svizzero Metas, ossia è in grado di garantire una precisione di marcia con uno scarto massimo compreso tra 0/+5 secondi al giorno.

La certificazione Master Chronometer comprende anche la resistenza a esposizioni di campi magnetici sino a 15.000 gauss e altri test qualitativi.

Omega calibro 3861 live
Omega calibro 3861 live

Schematicamente parlando il 3861 è un calibro completamente nuovo e monta una scorrevole molla della spirale in silicio. Per rendere subito l’idea di quanto sia un progetto en blanc basta notare che ora i rubini sono 26 rispetto ai 18 del 1861.

Anche la riserva di carica è leggermente aumentata: da 48 ore è passata a 50 ore.

Modelli

Ma il nuovo movimento non è l’unico aggiornamento che caratterizza i nuovi Speedmaster; tanti sono anche i cambiamenti estetici operati, tutti misurati al micron, per non rischiare di modificare di neanche una virgola la personalità di questa Star dei cronografi sportivi.

Omega Speedmaster Moonwatch 3881 esalite
Omega Speedmaster Moonwatch 3881 esalite

Per l’estetica Omega ha tratto l’ispirazione dalla storica referenza ST 105.012 Pre-moon animata dal calibro 321 che per intenderci è quella dei primi Speedy andati sulla luna.

Partiamo dalle dimensioni della cassa in acciaio che sono rimaste a 42 mm, le anse sono a lira e tutto è uguale anche per l’alternarsi di superfici lucide a satinate.

Rimangono immutati anche i due modelli offerti: il primo con il classico cristallo in esalite e un solido fondello in acciaio con un medaglione con goffrato un ippocampo.

Omega Speedmaster Moonwatch 3881 esalite fondello

L’altro sempre in acciaio ha un vetro zaffiro sul quadrante e sul fondello. I nuovi Speedmaster 2021 mantengono la stessa abitudine del passato di riempire il fondello di scritte, ma anche qui ci sono dei minuscoli cambiamenti: “The First Watch Worn on the Moon” è ancora presente, mentre la seconda è stata aggiornata con “Flight Qualified by NASA in 1965 for All Manned Space Missions”.

Omega Speedmaster Moonwatch 3881 zaffiro fondello

I nuovi Speedmaster 2021 sono molto simili al primo Moonwatch Professional – il 105-012 – ma restano ancora alcuni altri aggiornamenti.

Sarebbe stato naturale aspettarsi una lunetta in ceramica, di questi tempi praticamente obbligatoria, ma per il Moonwatch in acciaio Omega non è caduta in questo tranello che, per la diversa consistenza del materiale, avrebbe senz’altro snaturato l’aspetto di questo leggendario cronografo.

Omega Speedmaster Moonwatch 2021 lunetta alluminio esalite

Per cui la lunetta con la scala tachimetrica – segno fondamentale dello Speedmaster che nel 1957 fu il primo cronografo sportivo della storia a riportare quell’unità di misura atta a conoscere la velocità media in un chilometro di percorrenza di un veicolo – è ancora in alluminio anodizzato e presenta anche due elementi storici: il celebre indice “Dot over 90” e un punto diagonale ai 70.

Il quadrante è stato ritoccato e ora con un profilo che si esprime su più livelli e una superficie a grenage nera opaca è di nuovo molto simile a quello della referenza ST 105.012.

Per quanto riguarda gli indici, da rilevare che il giro dei minuti/secondi è stato ridisegnato. A differenza delle 5 divisioni delle serie precedenti, ora la traccia è divisa per 3 in base alla frequenza del calibro 3821 che oscilla a 3 Hz (21.600 a/h), in luogo invece dei 4 Hz del precedente calibro 1861, in quanto la lancetta dei secondi si muove a passi di 1/6 di secondo.

Omega Speedmaster Moonwatch 2021 lunetta quadrante esalite

Sul modello in esalite la lettera Omicron greca simbolo di Omega è stampata mentre su quello con vetro zaffiro è applicata. A guardare il pelo nell’uovo anche la scritta “Omega Speedmaster Professional” stampata è stata leggermente modificata.

Gli indici applicati e le lancette di ore, minuti e secondi al centro sono tutti rivestiti di sostanza luminescente Super-LumiNova color crema con una sottilissima punta di verde che appare solo nei contorni come potrai riscontrare nella foto più in basso.

Il bracciale integrato in acciaio con 5 file di maglie affiancate è leggermente diverso; riprende il design degli Speedmaster vintage. Le maglie sono meno arrotondate e più “scatolate”, simili al leggendario bracciale 1039 che le maglie però le aveva elastiche e 3 di numero come quelle che monta il bracciale dell’Omega Speedmaster Apollo 11 50th Anniversary Limited Edition Stainless Steel.

Omega Speedmaster Moonwatch 2021 polso

I bracciali si differenziano leggermente da un modello all’altro: in quello dello Speedmaster esalite le maglie sono tutte a finitura opaca mentre in quello con vetro zaffiro le due file di maglie al centro sono lucide.

La chiusura è nuova, anche questa molto simile ai modelli Speedmaster delle prime quattro generazioni. Riporta un motivo a strisce e il logo Omega lucido.

Caratteristiche Tecniche

  • Referenze: 310.30.42.50.01.001 (esalite), 310.30.42.50.01.002 (zaffiro).
  • Cassa: Dimensioni 42mm – Materiale Acciaio, Ghiera in alluminio con scala tachimetrica, Fondello Acciaio/Zaffiro – Impermeabile sino a 50mt.
  • Vetro: Esalite o Zaffiro con doppio trattamento antiriflesso.
  • Quadrante: Nero opaco con indici e lancette ricoperte in Super Luminova.
  • Movimento: Omega – calibro 3861 a carica manuale, 28 rubini, Frequenza 3 Hz – 21.600 a/h – Riserva di carica: 50 ore – Funzioni: ore, minuti, cronografo con ruota a colonne, piccoli secondi, 30 minuti e 12 ore.
  • Bracciale: Acciaio, cinque file finitura opaca/2 a finitura lucida – Chiusura con motivo a strisce e logo Omega lucido.

Prezzo

L’Omega Speedmaster Moonwatch Professional Co-Axial Master Chronometer Chronograph 42 mm Ref. 310.30.42.50.01.001 con vetro in esalite ha un prezzo di 6.300 Euro, la referenza 310.30.42.50.01.002 con doppio cristallo in zaffiro costa 7.200 Euro.

Opinioni

In sostanza: brava Omega! A differenza di alcuni Speedy del recente passato come quello che faceva parte della serie Trilogy un po’ troppo “invecchiato artificialmente”, aggiornando la linea Speedmaster (che per il movimento ne aveva proprio bisogno) la Maison non ha voluto creare delle repliche degli ST 105.012, ma ha centellinato i richiami ai Moonwatch vintage che appaiono nelle giuste dosi.

Sostituire solo il movimento sarebbe stato troppo banale, per quanto ora con il calibro 3861 si può scegliere a cuor leggero anche la versione con fondello in zaffiro perché, come ha mostrato la foto in alto, il nuovo movimento è molto più bello del precedente 1861, anche se è giusto ricordare che quest’ultimo era stato ancora progettato per rimanere all’oscuro dietro a un fondello chiuso.

Omega Speedmaster 2021 superluminova

Tutte le piccole ma soppesate modifiche eseguite dal brand, che se le contiamo non sono per niente poche, sono tutte indiscutibili.

Quale scegliere?

Beh, prima di tutto avrai notato che tra i due modelli c’è una differenza di prezzo di 900 Euro che in percentuale incide per il 14,3% che il marchio giustifica con la presenza di due vetri in zaffiro contro uno solo in esalite e di altri piccoli particolari.

Per me il vero Moonwatch è e sarà sempre quello con vetro in esalite che per la natura del materiale si graffia abbastanza facilmente, ma è bello che Omega abbia continuato a lasciare l’opzione doppio vetro in zaffiro e ci abbia messo “qualcosa sotto” di più nuovo e molto più fotogenico.

È bello continuare a progettare orologi nel passato ma, un po’ come nel settore automobilistico, è si cosa buona e giusta acquistare certe vetture con il cambio manuale, però per un uso quotidiano non si può ignorare la comodità di un cambio automatico o dell’aria condizionata.

Omega Speedmaster Moonwatch 321 - 1861 - 3861 zaffiro - 3861 esalite
Da sin: Speedmaster Moonwatch ST 105-012 / Speedmaster Moonwatch 1861 / Speedmaster Moonwatch 3861 zaffiro e esalite

Così in orologeria, il passo in avanti che ha fatto la tecnologia della lavorazione dello zaffiro non si può ignorare. D’accordo creare dei movimenti aggiornati con la tecnologia del silicio o con lunghe riserve di carica, ma è corretto oggi nasconderli solo perché ai tempi che certi modelli iconici come gli Speedmaster furono creati, non si poteva fare diversamente che chiuderli dietro una lastra di acciaio? È bello avere questa scelta.

Ultimo. Con la riesumazione del calibro 321 Omega ha voluto dare qualcosa in più agli esigenti appassionati dell’unico orologio che è andato (ufficialmente) sulla luna, ma nel contempo dopo un anno ha pensato anche a sollevare l’asticella della collezione Speedmaster di entrata.

È vero, tutta la linea Moonwatch, che tra l’altro è disponibile anche in oro Sedna 18k e Canopus Gold 18k, è salita di uno scalino come prezzo, ma lo sono anche aspetto e prestazioni, oltre che i nuovi Speedmaster mossi calibro dal calibro 3861 che sono più vicini a quelli con il remake del 321.

Cosa ne pensi?

La tua opinione è al solito molto gradita.

SCOPRI DI PIÙ

 

Articoli correlati

Commenti

  1. Complimenti a Omega per continuare a preservare sempre meglio questo leggendario orologio. In questi nuovi Speedmaster però nell’ottica di una migliore usabilità ci sarebbe stata bene un’impermeabilità estesa a 100 metri che non avrebbe disturbato i Seamaster ma semmai aggiunto un po’ di sicurezza in più. Bella recensione.

  2. Sempre meraviglioso questo Speedy, quello che celebra il 50° anniversario oro e acciaio è meraviglioso!

    1. Dimenticavo di ringraziarti per l’articolo, ormai sempre più articoli click bait e pochi di spessore come il tuo! Grazie!

  3. Buona sera sig. Massimo possiedo un orologio omega ma non so come farlo valutare , se invio foto potrebbe aiutarmi ,e solo l’orologio non ha cinturino perché anche volendo non saprei quale mettere.

  4. Salve, le rispondiamo in privato in modo tale che potrà inviarci delle immagini dell’orologio.

  5. Credo che comprerò uno degli ultimi 1861 esalite. Forse è anche un buon investimento…
    Articolo interessante e conciso. Come sempre.

  6. Grazie per il commento Marco! Quando ce l’avrai torna qui a lasciare le tue impressioni…

  7. Bella recensione sig. Massimo, negli ultimi tempi mi sono affezionato particolarmente ad Omega acquistando prima un Seamaster 36TH America’s Cup ,stupendo orologio con movimento 8900 e poi il favoloso, secondo me a dir poco Speedmaster 321 .

    Devo dire che l’esborso e stato pesantino ma ne è valsa la pena per modo di dire

  8. Ciao Massimo, intanto grazie per le tue preziose recensioni, sono illuminanti è sempre gradite. Volevo però chiederti un parere personale, poiché sono indeciso sul da farsi. Potendo scegliere, compreresti il Moonwatch Coassiale Master,
    Calibro 3861 con vetro in esalite e classico fondello cieco, oppure il Moonwatch Professional con vetro Zaffiro e fondello con movimento a vista, calibro 1863 ?
    Grazie in anticipo…..

  9. Grazie per il commento Andrea, sono contento che i miei articoli ti piacciano 😉 Dipende da te… Se vuoi lo Speedmaster più genuino e fedele al primo Moonwatch 321, da sempre i modelli con vetro in esalite sono da preferire.. Ma ora che è arrivato anche un calibro esteticamente molto più bello, anche la referenza con vetro zaffiro e fondello a vista ci può stare.

    1. Mi sembra una fantastica news! Complimenti per il tuo Speedmaster nuovo fiammante in tutto il suo rigore del vetro in esalite! 😀

  10. Sig.Massimo volevo chiederle: quando si parla di rubini si parla di punti di rubini veri o sintetici.Grazie

  11. Grazie per la domanda Salvatore! In orologeria per i movimenti meccanici si usano rubini sintetici sin dalla fine dell’Ottocento.

  12. Buonasera..sono indesico se acquistare un omega speedmaster moonwatch 2021 con vetro zaffiro o un tudor bb 54. So che sono due orologi completamente diversi sia per dimensioni, storia e complicazioni, ma sono davvero indeciso.
    Sapreste consigliarmi? grazie

    1. Ciao Francesco, sono due orologi così diversi che per quanto mi riguarda ti consiglio di scegliere quello che ti piace di più. L’unica cosa che hanno in comune è che sono due marchi di ottima qualità ma finito lì perchè quella di Omega è paragonabile a Rolex, quella di Tudor è notoriamente di una fascia inferiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Continuando a utilizzare il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close